Ci hai fatto caso? In natura non ci sono mammiferi verdi. Il colore verde è presente nella pigmentazione dei pesci, degli uccelli, degli anfibi, degli insetti, dei rettili… ma non delle specie dei mammiferi. Scopri perché.

“Ciao, sono un puma. Come dici? Sono verde? Impossibile. È il fogliame che, in questa foto, mi fa apparire verde!” (Contrasto)

align–center

“Ciao, sono un rettile e io sì che posso essere verde!” (Contrasto)

align–left

Insomma, esistono o non esistono mammiferi verdi? La risposta è no. Il colore dei mammiferi, almeno quelli terrestri, è dato dalla tonalità del loro pelo. Nella pelle e nel pelo dei mammiferi, umani compresi, tutti i pigmenti (le sostanze che danno il colore) sono melanici, hanno cioè tinte che vanno dal biondo al marrone chiaro, dal bruno al nero. Probabilmente perché i mammiferi sono evoluti, milioni di anni fa, da piccoli animali, somiglianti ai topi, fondamentalmente notturni. Quindi, per esempio, nessun essere umano può nascere con i capelli verdi. Poi magari se li tinge dei colori più improbabili, ma questo è un altro discorso. 
Si potrebbe obiettare che il bradipo alle volte sembra avere qualche porzione di pelo verde, ma in realtà deriva dalle alghe che si annidano nel suo pelame e che il pigro animale non si cura di togliere. Anche alcune scimmie africane e un piccolo marsupiale australiano – Pseudocheirus archeri – appaiono verdastri, ma si tratta di un verde oliva, derivante da una sfumatura di marrone

“Ciao, siamo pecore irlandesi. No, non siamo gialle e fucsia, ci dipingono così (ma anche blu, o arancioni) per distinguerci dalle altre greggi.” (Contrasto)

align–center

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma potete inviarci una e-mail e vi risponderemo al più presto.

Sending

©2022 ForumCani.com

or

Log in with your credentials

Forgot your details?