Francesco Bove ha rischiato di morire. Due Pit Bull si sono avventati su di lui lasciandolo in una pozza di sangue, ma lui li ha già perdonati: «Non uccideteli». Il tutto è accaduto nel Bronx dove l’uomo, un 62enne di origini italiane, vive e lavora come artista. In un video pubblicato sul web, si vedono i due cani aggredirlo per almeno due minuti. Nonostante l’intervento di più persone, i due animali hanno continuato a morderlo provocandogli ferite su più parti del corpo, arrivando a danneggiargli anche i nervi.  

In ospedale è arrivato il prete della chiesa dove l’uomo si stava recando per controllare dei lavori in marmo che aveva fatto. «Mi ha chiesto l’estrema unzione, si sentiva morire. Ho deciso di esaudire la sua richiesta chiedendogli però di non smettere di lottare». E così lui ha fatto: è stato sottoposto a cinque ore di intervento chirurgico e si è salvato. E proprio dal suo letto di ospedale ha mostrato comprensione e pietà per i due Pit Bull destinati molto probabilmente all’eutanasia: «Mi dispiace tanto che abbiano intenzione di ucciderli». 

Bove conosce quel tipo di cani perché lui stesso ha una femmina, Gina, che vive con lui: «Quando si sono avvicinati pensavo volessero essere accarezzati. Invece mi sono saltati addosso e mi hanno morso – racconta al New York Daily -. Ho iniziato a scalciare, ma ho sentito che mi portavano via pezzi di carne dal braccio. Ho visto l’osso. Quei due cani erano addestrati a combattere» 

E Bove ha probabilmente ragione visto il profilo della proprietaria dei due Pit Bull. La 55enne, arrestata con otto diversi capi di accusa, viene descritta da una vicina come una donna con una “terribile reputazione” e che in estate ha ucciso tre animali: «Nutre quei cani con la carne cruda. Hanno aggredito quell’uomo addentandolo da due parti, facendolo letteralmente a pezzi». 

Anche Antonio, il figlio di Bove, ha la stessa impressione: «E’ chiaro dai suoi abiti che mentre era a terra i cani volevano il suo sangue … è quello che volevano. Hanno anche leccato il sangue dalle pozze che si erano formate in strada».  

*****AVVISO AI LETTORI******

Segui le news di LaZampa.it su Twitter (clicca qui) e su Facebook (clicca qui)

*********************************

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma potete inviarci una e-mail e vi risponderemo al più presto.

Sending

©2022 ForumCani.com

or

Log in with your credentials

Forgot your details?