18/04/2016

gosalute walter gianno avatarWalter Giannò Giornalista Allergologia e immunologia clinica Malattie dell’apparato respiratorio Bambini Allergie

asma allergica bimbi cause rimedi

Aprile, con l’avvento della primavera, è il mese delle allergie ma non solo. Gli stessi allergeni che determinano i sintomi di un attacco allergico possono anche provocare brutti attacchi d’asma. L’asma allergica, infatti, è il più comune tipo di asma
Circa il 90% dei bambini con l’asma soffre anche di allergia.
 

I sintomi

I fastidi appaiono quando si entra in contatto con gli allergeni (come i pollini, gli acari della polvere, la muffa, ecc.) e sono gli stessi che riguardano una ‘comune’ allergia:

  1. Tosse (soprattutto di notte);
  2. Respiro affannoso (anche con presenza di un ‘fischio’);
  3. Fiato corto;
  4. Respiro rapido;
  5. Senso di occlusione al petto.

Nel caso di un bambino, però, può essere estremamente difficile, diagnosticare l’asma allergica, soprattutto se molto piccoli, in quanto non possono ovviamente descrivere i sintomi patiti. Ecco perché, in tal senso, è fondamentale che i genitori dicano al pediatra se qualcuno della famiglia soffra di una particolare allergia (come la febbre da fieno o l’orticaria), in quanto è probabile che anche il bambino abbia la stessa cosa.
Inoltre, sono essenziali le somministrazioni di test cutanei o del sangue per capire se il bambino abbia allergie che possono scatenare sintomi asmatici (test che possono essere effettuati a qualsiasi età).
 

Cause dell’asma allergico

Come già scritto, gli allergeni che causano l’asma allergico possono essere vari. Oltre ai menzionati pollini, acari della polvere e muffa, menzioniamo anche i peli e la saliva degli animali. Ma non finisce qui, perché possono causare una reazione allergica anche il fumo da tabacco, un camino o una candela accesi, i fuochi d’artificio, l’inquinamento atmosferico, l’aria fredda, i profumi e deodoranti, i locali pieni di polvere.


Leggi anche:

Quali sono i sintomi dell’allergia a un animale domestico? E quali i suggerimenti? Le risposte in quest’articolo.

 

Consigli

Una volta effettuati i dovuti test medici per individuare gli allergeni e per fare uso di farmaci ad hoc, ecco alcuni suggerimenti per diminuire le possibilità di un attacco di asma allergico:

  1. C’è sentore di essere nel momento clou dei pollini nell’aria? Se si può, bisogna stare a casa e tenere le finestre chiuse. Fa caldo? Allora si può accendere il condizionatore ma occorre accertarsi che il filtro dell’aria sia pulito.
  2. Attenzione ai tessuti e ai tappeti che attraggono gli acari della polvere. Lavare, quindi, spesso le lenzuola e le fodere dei cuscini, almeno una volta alla settimana e in acqua calda.
  3. Ai bambini comprare animali di peluche che siano lavabili.
  4. Controllare l’umidità in casa: la soglia oltre la quale si scatenano più reazioni è del 40%. In questo caso, quindi, meglio usare dei deumidificatori perché l’aria secca rallenta la crescita di muffe e la riproduzione degli scarafaggi e degli acari della polvere.
  5. L’allergia è nei confronti degli animali domestici? Ove possibile, tenere gli amici a quattro zampe all’aperto o almeno evitare che entrino nella stanza dove dorme il bambino. Lavare almeno una volta alla settimana il cane o il gatto (non esiste una razza che crea più attacchi allergici di altri).
  6. Mantenere pulita la casa, soprattutto la cucina e il bagno, così da evitare muffa e scarafaggi. Le briciole, poi, vanno sempre tolte dal pavimento e dal tavolo. 

  Per approfondire guarda anche “sintomi delle allergie“

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma potete inviarci una e-mail e vi risponderemo al più presto.

Sending

©2021 ForumCani.com

or

Log in with your credentials

Forgot your details?