Se l’inizio della scuola potrà essere un po’ «traumatico» per qualche bambino con poca voglia di studiare, per un cane potrebbe esserlo ancora di più. Dopo tre mesi nei quali Fido ha giocato e si è lasciato coccolare dal mattino alla sera dai bambini, e ha trascorso molto tempo a casa o in spiaggia insieme ai proprietari, un brusco ritorno alla routine quotidiana per un quattozampe potrebbe essere un piccolo choc. Soprattutto per i cuccioli, che se sono stati abituati ad ore ed ore di attenzioni durante l’estate, non sarà semplice venire catapultati in una realtà completamente diversa: mamma e papà fuori tutto il giorno per lavoro, e il figlio che magari dopo la scuola ha ancora gli allenamenti di calcio o le lezioni di musica. 

Come capire se il nostro cane in questi giorni soffre di problemi ed ansie da separazione? «Potreste sentirlo abbaiare in modo diverso dal solito, come fosse un lamento – dice Maurizio Alliani, medico veterinario comportamentalista – o vederlo grattare la porta di casa in preda ad una crisi di panico. A volte i cani urinano, defecano per casa o strappano i vestiti del proprietario, ma non significa che vogliano farvi i dispetti. È che non è in grado di gestire la solitudine». Qual è allora la soluzione per far superare al nostro amico a quattro zampe il trauma da inizio della scuola e del lavoro? «Nei primi giorni lasciatelo solo in casa il meno possibile – continua Maurizio Alliani -. Se non potete prendervi cura di lui, portatelo a casa di parenti o amici, o chiamate un dog sitter. Poi, con il passare del tempo, abituatelo con gradualità a trascorrere del tempo in solitudine, fino a quando non avrà capito che la presenza del padrone non è indispensabile per stare bene. E non esagerate con le coccole, siate un po’ più distaccati». 

Ci sono alcuni trucchetti per aiutare in questi casi il vostro animale. Uno, per esempio, è quello di risparmiargli il trauma del pre-solitudine: se è abituato ad associare la vostra uscita da casa all’allacciamento delle scarpe, allacciatevi le scarpe e rimanete in casa. Nella mente di Fido non scatterà più la paura che dopo pochi minuti si troverà a dover giocare con se stesso per tutto il giorno. «Nei casi più critici di ansia da separazione può essere necessario somministrare dei farmaci a Fido – continua il comportamentalista -. Ma per evitare tutto questo, una buona prevenzione, e un corso per educare i cuccioli, di solito risolvono il problema alla radice».  

*****AVVISO AI LETTORI******

Segui le news di LaZampa.it su Twitter (clicca qui) e su Facebook (clicca qui)

*********************************

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma potete inviarci una e-mail e vi risponderemo al più presto.

Sending

©2022 ForumCani.com

or

Log in with your credentials

Forgot your details?