LeoneVeneziaEmergenza BTV e stop ai controlli analitici negli allevamenti veneti? Emendamento per aumentare i Veterinari regionali nella Asl venete.
Giovanna Negro, Andrea Bassi, Maurizio Conte e Stefano Casali hanno depositato due interrogazioni alla Giunta del Veneto per vederci chiaro sui piani di controllo e sulle dotazioni organiche territoriali dei dipartimenti di prevenzione delle Ulss Venete. “Vogliamo sapere – dicono- il numero dei controlli annuali effettuati dall’area sanità pubblica veterinaria e sicurezza alimentare, le non conformità riscontrate negli ultimi due anni, quanti veterinari sono in servizio effettivo nelle Ulss”.

La Giunta viene interrogata anche  sul problema della blue tongue e del trend negativo delle vaccinazioni “per capire come sia stata attivata la campagna informativa e di sensibilizzazione ai vaccini a persone e animali da parte della Regione e in quali tempi e modi sia stato applicato il piano di prevenzione”.

“L’assessore alla sanità – dicono i consiglieri interroganti- ha continuato a sottovalutare il problema e questo è il risultato. Si è purtroppo verificata una gestione inadeguata dell’emergenza che ora potrebbe avere conseguenze pesantissime per la zootecnia del Veneto, danni economici e sanitari. Chiediamo dunque l’assunzione di almeno 100 nuovi veterinari in tutto il Veneto”.

“Bisognava intervenire prima, come sosteniamo da mesi – commentano i consiglieri- il morbo ormai si è diffuso a tal punto in Veneto che non ha nemmeno più senso verificare il numero dei focolai. Tra le cause che hanno portato a questa situazione emergenziale c’è la carenza di personale dei Servizi Veterinari nelle Ulss del Veneto, come avevamo già denunciato nelle nostre interrogazioni urgenti nei mesi scorsi e a cui stiamo ancora attendendo risposta dalla Giunta”.

“I veterinari dipendenti delle Asl in Veneto nel 2016 sono 347 – affermano i tosiani – meno di molte altre Regioni e quasi la metà rispetto alla Lombardia (dove sono 620). In Emilia Romagna sono 467, in Piemonte 427, in Campania 585, in Sardegna 362 e in Sicilia 406. Dati questi, forniti dal Sivemp in Commissione Sanità settimane fa. Questo sottorganico in Veneto è il motivo per cui ci troviamo oggi ad affrontare l’emergenza Blue Tongue che ha ormai superato i livelli di guardia, tanto da rendere inutili i controlli sui focolai. Il nostro emendamento prevede: “La Regione Veneto, a seguito della carenza conclamata di personale veterinario in dotazione presso le Ulss Venete e per tutelare il patrimonio zootecnico e l’agricoltura locale è autorizzata ad aumentare la dotazione organica del 30%. Le procedure concorsuali di assunzioni dovranno completarsi entro il 30 settembre del 2017”.

“Il Sindacato Italiano veterinari di medici pubblica, organizzazione sindacale maggiormente rappresentativa della dirigenza medico veterinaria e dei veterinari convenzionati con il Ssn – ricordano i consiglieri –avevano segnalato mesi la sottovalutazione dei compiti di sanità pubblica veterinaria, l’indebolimento ormai giunto a livelli senza precedenti degli organici dei servizi veterinari, il declassamento e l’impoverimento di personale della struttura regionale dedicata. Non è più garantito il turnover e l’età media si sta drammaticamente alzando. A questo si sono aggiunte le attività di contrasto all’epidemia di blue tongue che sono ricadute su servizi sottodimensionati negli organici. Una mole di attività di sorveglianza e controlli ufficiali urgenti che andavano assicurati (per la loro natura solo ed esclusivamente dai veterinari pubblici delle Ulss) ma ha messo in gravissima difficoltà i servizi”.

Alla data odierna sono stati confermati in totale 381 focolai di BTV-4 nelle province di Belluno (82 focolai), Padova (28), Treviso (128), Venezia (2), Verona (33) e Vicenza (108). Complessivamente sono 152 i Comuni ad essere interessati. I focolai sono stati riscontrati in ovini (86), bovini (288), caprini (3), un daino, uno yak e in due selvatici (2 mufloni). Si riporta una tabella di sintesi dei focolai di Bluetongue confermati.

—————————
Interrogazione a risposta scritta
Dipartimenti di prevenzione delle ULSS venete – piani di controllo e dotazioni organiche territoriali: come vengono gestiti i controlli?
Interrogazione a risposta scritta
Per la Regione è meglio curare che prevenire?

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma potete inviarci una e-mail e vi risponderemo al più presto.

Sending

©2022 ForumCani.com

or

Log in with your credentials

Forgot your details?