Cani pericolosi: Codacons, indispensabile il patentino

Cani pericolosi: Codacons, indispensabile il patentino

Necessaria maggiore consapevolezza da parte dei proprietari di razze a rischio. “Fondamentale l’educazione dell’animale”

Si dice che i cani siano i migliori amici dell’uomo, ma anche loro alle volte possono rivelarsi un pericolo letale. Quando questo avviene il responsabile è l’animale o l’uomo? Un interrogativo che si è riproposto dopo la morte di un bambino di 18 mesi sbranato dal cane di famiglia, un dogo argentino.

Un argomento su cui, dopo i fatti di Mascalucia (Catania), è tornata la Codacons, che sottolinea come “indipendentemente dall’educazione che si dà al proprio animale, è universalmente riconosciuto che esistono razze, come i pitbull o i rottweiler, che per le loro caratteristiche (potenza, robustezza, dentatura) possono provocare ferite letali in caso di morsicatura”.

Avere un golden retriever o un pechinese è ben diverso dal gestire un doberman o un pit bull e proprio per questo, secondo l’associazione consumatori, chi possiede le razze considerate potenzialmente pericolose dovrebbe avere un patentino obbligatorio. Invece, come sottolinea Francesco Tanasi, segretario nazionale del Codacons, “l’aver eliminato la lista delle 17 razze di cani a rischio introdotte dall’ex ministro Sirchia ha di fatto cancellato qualsiasi obbligo per i loro proprietari, con conseguenze negative sul fronte sicurezza”.

Le razze indicate come potenzialmente pericolose sono: rottweiler, cane da pastore di Charplanina, cane da pastore dell’Anatolia, cane da pastore dell’Asia centrale, cane da pastore del Caucaso, cane da Serra di Estrela, fila brasilieiro, mastino napoletano, perro da canapo majoero, perro da presa Mallorquin, pit bull mastiff, pit bull terrier, rafeiro do Alentejo, bulldog americano, bull terrier, tornjak, tosa inu.

Il responsabile nazionale del Settore cinofilia di Csen, Massimo Perla, in un’intervista ad ‘AdnKronos’, punta l’attenzione sulla responsabilità dell’uomo. “Quanto accade – afferma – dipende sì dal carattere e temperamento del cane ma soprattutto dipende dall’uomo, dal padrone o da come allevano l’animale, da come lo educano, come insegnano a stare con gli altri cani e come comportarsi con le persone”. Alla base di tutto vi è, insomma, l’educazione dell’animale, qualsiasi sia la sua razza, perché il cane “deve socializzare e deve imparare a canalizzare e reprimere l’istinto predatorio”.

Alcuni cani sono stati selezionati come animali da compagnia, altri da difesa, il dogo argentino per dare la caccia ai puma. Elementi che, per la propria e l’altrui incolumità, è bene non dimenticare nel rapportarsi con loro.

Commenti

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma potete inviarci una e-mail e vi risponderemo al più presto.

Sending

©2023 ForumCani.com

or

Log in with your credentials

Forgot your details?