Negli ultimi tre anni il macaco Mali ha trascorso le sue giornate legato a un albero davanti alla casa del suo proprietario. Per fortuna è stato salvato

Viveva di caramelle e gelati, legato a un albero dal suo proprietario, costretto a indossare abiti o vestiti per bambini, quasi sempre solo, per la “gioia” dei turisti che gli davano da mangiare e gli scattavano le foto. È la storia di Mali, un macaco che per 3 anni ha vissuto in queste condizioni in Thailandia, davanti alla casa di quella che era la sua “famiglia”.

Il morso liberatore

Tutto questo è andato a avanti fino a quando l’animale si è scagliato contro il suo “padre-padrone”, mordendolo. Un segno di ribellione che ha spinto un parente dell’uomo a chiamare Wildlife Friends Foundation Thailand per far portare via la scimmia, che è stata portata in un centro dove viveva altri 19 suoi simili, vittime del commercio di animali selvatici. Non è chiaro da dove venga Mali, è probabile che sia stata allevata in cattività o rubata a sua madre. “Una quantità impensabile di animali selvatici vengono tolti dal loro habitat naturale le loro mamme sono stati uccise, e poi venduti come animali domestici o come oggetti fotografici o usati per intrattenere i turisti negli spettacoli circensi”, hanno spiegato al sito TheDodo i responsabili del WFFT.

Una visita inopportuna

Sfortunatamente, proprio mentre Mali si stava abituando agli altri macachi, il suo ex proprietario si è intrufolato nel centro, portandole del cibo e toccandola attraverso il recinto. La visita ha causato altri danni: un’altra scimmia ha morso la coda del macaco. “È stata una questione di gelosia – hanno detto i soccorritori – Questo singolo incidente è stato causato dal comportamento ancora una volta irresponsabile dell’uomo. Nessun animale selvatico dovrebbe essere tenuto come domestico, e sicuramente non trattato come un bimbo. Attualmente in un centro di soccorso medico, mali tornerà presto nel suo nuovo gruppo con una supervisione supplementare. Una volta che la sua coda sarà completamente guarita, verrà presentato ad altri membri e per lui inizierà una nuova vita.

Photo Credits Facebook

Commenti

comments

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma potete inviarci una e-mail e vi risponderemo al più presto.

Sending

©2021 ForumCani.com

or

Log in with your credentials

Forgot your details?