Nascerà un ambulatorio veterinario dentro al carcere Lorusso e Cutugno di Torino. Sarà inaugurato prima dell’estate negli spazi della casa circondariale, e diventerà il luogo in cui i felini che oggi vivono «dietro alle sbarre» verranno sterilizzati. Da circa sedici anni, infatti, nel carcere torinese abita una colonia felina, che oggi è composta da circa 250 esemplari. In passato sono arrivati a essere oltre 400. E nel tempo l’Enpa si è occupata di loro facendo centinaia di interventi di sterilizzazione, spostandoli ogni volta per più giorni in altre cliniche del territorio. 

«Il progetto nasce per contenere le nascite e per tutelare la salute degli animali – dice Roberto Testi, direttore del dipartimento di prevenzione unico delle Asl Torino 1 e 2 -. Coinvolgerà anche i detenuti, perché una decina di loro sarà formata alla cura e all’assistenza dei gatti». Alcuni detenuti si prendono già cura dei mici, ma la loro attività non è inserita in un programma strutturato in questo modo. Si tratta di un’iniziativa nata in sinergia tra il Comune, l’Asl, l’Ordine dei veterinari e la casa circondariale, e «l’ambulatorio diventerà così un osservatorio in cui i gatti saranno curati, se necessario, e visitati», spiega Thomas Bottello, presidente dell’ordine dei veterinari di Torino.  

«Qui inizierà un censimento completo dei felini del carcere – dice Alberto Colzani, responsabile del servizio veterinario di sanità animale, area A – e sterilizzarli dopo la cattura, si applicherà il microchip». Una pratica molto meno invasiva, che durerà senza dubbio parecchi mesi. La colonia continuerà poi a essere monitorata in futuro, quando il gruppo dei quattro zampe non potrà più riprodursi. Nei prossimi mesi prenderà così forma un’iniziativa unica in città e forse in Italia, «che sarà un beneficio anche per la salute dei detenuti e dei lavoratori del Lorusso e Cutugno», aggiunge Colzani. Ma soprattutto «un progetto pilota – dice l’assessore all’ambiente Alberto Unia – che potrà diventare un modello da esportare in altre regioni, nell’idea di unire un percorso di inclusione sociale a un’attività di sensibilizzazione nei confronti degli animali». 

*****AVVISO AI LETTORI******

Segui le news di LaZampa.it su Twitter (clicca qui) e su Facebook (clicca qui)

*********************************

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma potete inviarci una e-mail e vi risponderemo al più presto.

Sending

©2023 ForumCani.com

or

Log in with your credentials

Forgot your details?