Milano, 14 dicembre 2017 – Ai parchi milanesi Pallavicino, Sempione, Formentano capita che i cani finiscano per “sballarsi” dopo aver ingerito droga nascosta nei cespugli. L’episodio della scorsa settimana scorsa quando Tobia, setter inglese di tre anni che frequenta abitualmente con la sua padrona il parco Pallavicino di zona Pagano, si è sentito male dopo aver divorato una sostanza stupefacente, non è insomma un caso isolato. Finito dritto in una clinica veterinaria e sottoposto a flebo, il cane ora sta bene. Nonostante il caso, i residenti di quest’area di pregio, quasi tutti a spasso con esemplari di razza, rifiutano l’etichetta di essere la nuova frontiera del degrado. «Qui non c’è spaccio, andate al parco Sempione». Ma il problema non è tutelare il buon nome della zona, il problema restano i casi di intossicazione. Perché se accade a un cane può capitare anche a un bimbo. Per cui “scaricare” le colpe su dei ragazzi che bighellonano il pomeriggio non è la soluzione del caso. Di certo non rassicura giovani mamme con bimbi piccoli come Guadalupe Cartagina Guardajo che invoca «maggiori controlli» delle forze dell’ordine.

Al parco Sempione, in zona Cadorna, sempre in centro, ma additato da tutti perché lo spaccio non è certo una novità il fenomeno si ripete da 30 anni. Pare che, negli ultimi mesi, i pusher africani nascondano marijuana e hashish fra i cespugli e le pietre, vicino al campo da basket. «Non entrano però nell’area cani» assicura Vanessa Floridia, da 15 anni educatrice di quattrozampe e in compagnia di un cocker. Il pericolo si nasconde negli spazi aperti quindi, se possibile, è maggiore. Così il labrador femmina di una sua amica quest’estate se l’è vista male: «Aveva ingerito hashish proprio scorazzando libero. Al pronto soccorso veterinario le hanno dovuto fare una lavanda gastrica». Dall’altra parte della città, al Parco di largo Marinai d’Italia, in viale Umbria, il giovane Jonathan Lopez conferma che il fenomeno è attecchito anche lì: «Vengono a fumare erba il pomeriggio dei ragazzini molto giovani. Talvolta perdono la «bustina» e i cani la divorano. Purtroppo un cagnolino, 4 mesi fa, è rimasto vittima di un’intossicazione da stupefacente».

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma potete inviarci una e-mail e vi risponderemo al più presto.

Sending

©2021 ForumCani.com

or

Log in with your credentials

Forgot your details?