«Quei due cani potevano uccidere»

Il dogo argentino e il pitbull che venerdì hanno azzannato un passante e il suo cagnolino in via Zerini. Ora sono in canile a Somma

  • Domenica 18 ottobre 2015

«Quei due cani potevano uccidere»

Tradate ancora sotto choc per l’aggressione da parte di un dogo e un pitbull a un passante in via Zerini. L’addestratore Quercia: «Quando razze come quelle attaccano è come se gli si bloccasse il cervello»

TRADATE – «In una situazione come quella capitata a Tradate una soluzione potrebbe essere quella di gettare acqua sul naso, ma il problema vero è che la pulsione predatoria di quei cani si esaurisce con la morte della loro vittima designata. Per come si sono sviluppati i fatti il cane aggredito è stato molto fortunato». Parola all’esperto Franco Quercia, addestratore di cani all’associazione DogEden di Malnate.
La vicenda a cui si riferisce è quella consumatasi venerdì pomeriggio in via Zerini: due cani di grossa taglia, un dogo argentino e un pitbull, hanno azzannato Orus, un golden retriver, all’interno della pineta. Senza l’intervento del padrone del povero animale e di un altro paio di passanti, il cane avrebbe fatto una brutta fine.

Potenza incontrollabile

Il proprietario di Orus, un uomo di 45 anni di Tradate, è rimasto ferito in maniera seria a una mano. L’esperto di cani ha spiegato i motivi che stanno alla base di un’aggressione come quella vissuta venerdì pomeriggio. «Sono animali che hanno una potenza impressionante – sottolinea Quercia – Esercitano con un morso una pressione di diverse centinaia di chili per centimetro. Quando serrano le mascelle non c’è nulla da fare: è come se il cervello si bloccasse. È la loro natura, non è colpa del cane. Sono diversi, per intenderci, dai cani da pastore che hanno un morso interrotto, altrimenti ucciderebbero gli animali che proteggono. Il dogo, come il pitbull, non mollano. Una soluzione può essere quella di usare dell’acqua, ma non c’è una regola fissa. Anche colpirli come è successo a Tradate può funzionare, ma può anche creare un ulteriore irrigidimento degli animali. Diciamo che è una medaglia con due facce. Non si staccano fino a quando non si esaurisce la loro funzione naturale».
La vicenda di via Zerini è assurda: gli agenti di polizia locale stanno cercando di ricostruire l’esatta dinamica dei fatti. Secondo le prime informazioni, ma si tratta di dati ancora da confermare, i due animali potrebbero essere stati aizzati da qualcuno, poi fuggito.

Resta il giallo

A quel punto però si sono trasformati in armi letali: si sono lanciati contro Orus azzannandolo alla gola, alla zampa e alla testa. Il padrone, per salvargli la vita, si è messo di mezzo, ma ha avuto la peggio riportando una lesione grave a una mano. Due persone sono intervenute separando gli animali, dopodiché il servizio veterinario di Somma Lombardo ha recuperato il pitbull e il dogo trasferendoli al canile dove resteranno in osservazione.
«É possibile recuperarli – dice Quercia – ma ora dovranno essere ricondizionati in un altro contesto». Nel frattempo proseguono anche le indagini da parte degli agenti di polizia locale per risalire ai proprietari dei due animali aggressori: il primo passo sarà quello di verificare, e rintracciare, la titolarità del microchip.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

WhatsApp Ti è piaciuto quest’articolo? Iscrivendoti al servizio WhatsApp, potrai ricevere le notizie più importanti direttamente sul tuo smartphone. Clicca qui per iscriverti

Altri articoli

Giovedì 15 ottobre 2015

Arturo ti sta aspettando

Martedì 13 ottobre 2015

Voglio coccole: chi me le fa?

Lunedì 12 ottobre 2015

Apre il campo scuola per i quattro zampe ed è subito una festa

Inaugurato il primo centro cinofilo di Varese: si trova nella frazione di Cartabbia, a poca distanza dal centro città

Sabato 10 ottobre 2015

Quegli animali che ci insegnano a stare al mondo

Ho letto con grande meraviglia la storia dei tre cani pastore tedesco che, opportunamente addestrati dai ricercatori della Mater Domini di Castellanza, sono in grado …

Martedì 06 ottobre 2015

Il Re-Format della casa Uniti si batte meglio la crisi

Una piattaforma unica e innovativa che si dà come obiettivo quello di essere la risposta per qualsiasi necessità legata al mondo della ristrutturazione

Venerdì 02 ottobre 2015

Chi coccola il buon Jack?

Articoli più letti

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma potete inviarci una e-mail e vi risponderemo al più presto.

Sending

©2023 ForumCani.com

or

Log in with your credentials

Forgot your details?