L’ultimo episodio che ha messo in pericolo la vita di uno dei gatti della colonia felina di via Eustachi riguarda Sogliolina, un gatto nero, rimasto prigioniero nel palazzo chiuso di via Farnetti 4. Quest’ultimo immobile fa parte dei fabbricati dell’ex tipografia Arti grafiche Pinelli, sul cui tetto da sempre vive la colonia felina di circa 30 gatti. «Da quando sono cominciati il lavori di ristrutturazione del capannone, che sarà trasformato in uffici, la colonia dei selvatici è entrata in sofferenza e all’appello mancano molti gatti», denunciano le tutor dei mici, Monica Negri, Rita Fornari e Federica Mochi.

shadow carousel
La colonia sui tetti di via Eustachi

La particolarità di questa colonia felina, che la rende diversa dalle altre colonie di randagi della città, è quella che i mici non scendono mai a terra ma vivono sospesi a qualche metro di altezza. I gatti sono selvatici e neppure le tutor riescono ad avvicinarli. L’unico punto di contatto tra i mici e le gattare è la finestra dell’appartamento Federica, da cui passa anche il cibo, che viene servito in abbondanza tutti i giorni dell’anno. I randagi da sempre sono abituati a camminare sui tetti indisturbati, si sdraiano al sole soprattutto durante l’inverno per riscaldarsi, camminano sui cornicioni e spariscono nei ripari che negli anni si sono costruiti. Tutto ciò è stato possibile fino a che non sono cominciati i lavori di ristrutturazione.

Le gettare hanno sempre provveduto anche alla pulizia dei tetti incaricando una ditta specializzata. «Da tempo la vita dei gatti si è fatta molto più complicata», spiegano le gettare. Il cantiere in questo momento è fermo per un contenzioso con i proprietari degli appartamenti che affacciano sulle ex Arti grafiche Pinelli. In attesa di capire se i lavori fin qui eseguiti sono conformi al progetto approvato, le tutor della colonia colgono la palla al balzo e chiedono l’intervento dell’ufficio del Garante degli animali,affinché siano costruiti dei passaggi per raggiungere i tetti e meglio accudire la colonia dei gatti risolvendo così uno dei problemi che ha reso sempre così difficile garantire il pieno benessere dei randagi.

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma potete inviarci una e-mail e vi risponderemo al più presto.

Sending

©2022 ForumCani.com

or

Log in with your credentials

Forgot your details?