MESTRE. I vigili urbani si sono mossi in forze per cercare di ritrovare il gatto «rubato» del consigliere della lista Brugnaro Matteo Senno, così come avrebbero fatto per qualsiasi altro cittadino, in presenza di una notizia di reato. È la risposta che il comandante della polizia municipale Marco Agostini con il suo vice e l’assessore alla sicurezza Giorgio D’Este hanno in sostanza dato ieri in Commissione consiliare all’interpellanza sulla vicenda presentata dal consigliere del Movimento Cinque Stelle Davide Scano. La vicenda risale alla fine di dicembre. Il giovane consigliere vive a Carpenedo, vicino al monastero di clausura “Santa Maria Addolorata”, abitato da alcune suore e nel cui giardino vive anche una piccola colonia di gatti. Purtroppo, per l’età avanzata delle monache, è stato deciso di chiudere il monastero e di venderlo, con trasferimento altrove delle suore rimaste. Giustamente, si è pensato però anche a una nuova sistemazione per i piccoli felini, coinvolgendo l’associazione di volontari “I mici del Forte” i quali, in un paio di serate, hanno catturato e trasportato i gatti presso gli spazi da loro gestiti all’interno di Forte Marghera.È notorio che i gatti sono girovaghi e sembra che, per errore, tra i gatti prelevati vi fosse anche quello del consigliere fucsia. Per questo gli spazi dell’associazione erano stati oggetto di ben tre visite da parte della Polizia Locale del Comune di Venezia, per un totale di otto agenti coinvolti, compreso il Commissario Capo, Gianni Franzoi, del Servizio “Sicurezza Urbana”. Tra mattina e pomeriggio, le perlustrazioni, alla ricerca del gatto, erano durate circa tre ore, guidate dallo stesso consigliere comunale, accompagnato dal padre, l’attuale Amministratore unico di AMES S.p.A., già ex consigliere comunale di Forza Italia.I volontari dell’associazione avevano poi consegnato, in modo spontaneo e pacifico, il gatto. L’interpellanza di Scano chiedeva appunto ragione di questo spiegamento di forzeper trovare il gatto di Senno, ma la polizia municipale ha appunto assicurato che non è un’eccezione, ma la regola.«I cittadini allora dovranno aspettarsi, in caso di chiamata, lo stesso trattamento», ha concluso Scano.©RIPRODUZIONE RISERVATA

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma potete inviarci una e-mail e vi risponderemo al più presto.

Sending

©2022 ForumCani.com

or

Log in with your credentials

Forgot your details?