Milano, 15 febbraio 2016 – 07:30

Mercoledì 17 febbraio si celebra al Museo Interattivo del Cinema il «Miao Day»con proiezioni, incontri e deejay set dedicati ai piccoli felini

Ambo è rimasto dieci anni dentro a un recinto. Senza una famiglia e senza una poltrona dove acciambellarsi e farsi le unghie. Tre settimane fa, il miracolo. Amore a prima vista fra il gattone vecchietto (oramai ha sedici anni) e una signora. A Mondo Gatto, il circolo di Legambiente che in città segue le colonie e si occupa delle adozioni dei randagi, hanno brindato quando è partito e la foto che lo ritrae appisolato su un divano di casa è ora appesa al centro della bacheca.

La storia — vera — è un test: chi si è commosso è pronto per la festa nazionale del gatto, celebrata in tutta Italia mercoledì 17. Succede dal 1990, e il merito è della rivista «Tuttogatto» che lanciò un referendum sul giorno da scegliere. Vinse febbraio, mese delle streghe, e la data del 17, numero della sfortuna, associato anche ai gatti. Un modo ironico e scaramantico per fare festa. Milano e i gatti, il feeling è fortissimo. Stime ufficiali non ci sono, a differenza dei cani non sono censiti e non hanno l’obbligo di microchip, ma sembra attendibile il dato di cinque-sei abitanti su dieci che convivono con un felino. Tanti gattofili, quindi. A loro, ma anche a chi non resiste ai video dove il gatto è protagonista (cento milioni di click per i più virali su youtube), è dedicato il «Miao Day» di mercoledì prossimo al Mic, Museo Interattivo del Cinema (ore 18.30, viale Fulvio Testi 121, ingresso 5 euro). Film, musica, incontri per la festa promossa insieme a Fondazione Cineteca Italiana, RadioBau, Radio Montecarlo e Mondo Gatto.

Il via con un collage dei migliori film d’animazione e spot pubblicitari, dagli anni Cinquanta ai primi anni Ottanta, preparato dalla Fondazione Cineteca Italiana. Sullo schermo tornano a farci visita Silvestro gatto maldestro, Augusto gatto tutto fusto dei mitici fratelli Pagot (gli stessi di Calimero), i cartoons legati alle canzoni dello Zecchino d’oro, «Volevo un gatto nero» e «Quarantaquattro gatti», e il fumetto animato di Bruno Bozzetto «I sogni del signor Rossi». Un tuffo nell’infanzia: d’altra parte con i gatti si vive sempre in un mondo di magia. Lo assicura Isabella Dalla Vecchia, speaker di RadioBau, che svelerà itinerari segreti dei felini nel mondo: dall’antico Egitto a Castelcorno, in Trentino. Qui, pare, i siamesi stiano da sempre a guardia di un introvabile tesoro. Magia quotidiana anche nei racconti di Marina Mander, autrice de «Il potere del miao» (Mondadori), che parlerà del libro e della sua vita con i mici Spritz e Schatzi. La festa prosegue con l’happy hour e le specialità vegane della chef Mara di Noia e il dj set di Marco Fullone di Radiomontecarlo. «Questa è la festa di tutti i gatti, anche di quelli per strada», dice Mary Davanzo di Mondo Gatto. «In città ce ne sono circa decine di migliaia liberi che vivono in colonie, noi riusciamo a sterilizzarne 250 l’anno» Aggiunge: «Siamo qui anche per sensibilizzare e raccogliere fondi, il contributo della città al nostro impegno è fondamentale». Nel loro gattile ci sono trecento mici in attesa di adozione, proprio come Ambo. E non tutti così vecchi.

15 febbraio 2016 | 07:30

© RIPRODUZIONE RISERVATA

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma potete inviarci una e-mail e vi risponderemo al più presto.

Sending

©2021 ForumCani.com

or

Log in with your credentials

Forgot your details?