Una piccola gattina randagia con le zampe posteriori paralizzate deve la vita ad un cane compassionevole che l’ha trovata da sola e l’ha portata in salvo. McTinybeans ha poche settimane di vita, ma non sarebbe sopravvissuta ancora a lungo. 

Probabilmente proprio a causa della sua paralisi è stata abbandonata. Ma per fortuna un doberman l’ha annusata in una aiuola e l’ha sollevata per portarla in salvo, come se avesse subito capito il suo problema di mobilità. «E’ stato dolcissimo e delicato», raccontano i volontari del The Paw Project di Santa Monica, che ora se ne stanno prendendo cura. 

La gatta era ricoperta di pulci e le sue zampe completamente paralizzate non facevano sperare niente di buono. Ma «abbiamo dovuto riabilitare tanti gatti che sono stati feriti dal declawing – l’intervento chirurgico di rimozione degli artigli – e abbiamo i nostri trucchi». 

Per McTinybeans è stato studiato un preciso piano di riabilitazione a base di agopuntura e massaggi con uno spazzolino da denti elettrico. Terapie già sperimentate dal Paw Project con ottimi risultati. «Quando ci sono delle lesioni spinali, l’obiettivo e riuscire a far tornare il cervello a comunicare con le zampe». E in pochi giorni il cucciolo ha iniziato a ottenere la sensibilità nelle zampe. 

Il suo viaggio di recupero sarà lungo, ma ora ha tante persone che credono in lei. 

«Anche lei stessa non riusciva a crederci quando ha iniziato a muovere le zampe la prima volta. Ora continueremo per aiutarla e stimolarla per sviluppare la muscolatura ed essere sempre più autonoma». Una strada in salita, certo, ma costellata ogni giorno da tanti piccoli successi. 

LEGGI ANCHE  

Gatta paralizzata per una caduta, torna a muoversi grazie all’agopuntura  

*****AVVISO AI LETTORI******

Segui le news di LaZampa.it su Twitter (clicca qui) e su Facebook (clicca qui)

*********************************

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma potete inviarci una e-mail e vi risponderemo al più presto.

Sending

©2022 ForumCani.com

or

Log in with your credentials

Forgot your details?