Scattare fotografie perfette al proprio micio non è mai stato così facile

In quanto membri della famiglia, i gatti hanno il diritto di entrare a far parte delle foto di famiglia: in Francia e Inghilterra è una vera e propria moda quella dei ritratti di lusso per i propri pets, ma in questo caso l’Italia si è dimostrata all’avanguardia. Esistono tante agenzie italiane dedicate ai ritratti del micio, in quanto molti proprietari desiderano tanto fotografare gli animali di casa, commissionando addirittura dei servizi fotografici in cui si testimonia la crescita del proprio cucciolo. Ovviamente, questi servizi costano, quindi come risparmiare e fotografare il nostro amico felino in maniera impeccabile?

Fotografare un gatto, i segreti dei professionisti

Per scattare delle foto ai gatti bisogna armarsi di tanta pazienza. Non sono come noi umani, spesso non capiscono bene cosa stia facendo il padrone, specialmente con questa moda dei selfie e delle foto dei pets sui social. Se in questo caso, le posizioni strane assunte dal micio possono essere divertenti, per un ritratto vero e proprio occorre che l’animale assuma una posa normale, in modo che lo scatto non abbia nulla da invidiare ai fotografi professionisti. Ci sono delle regole da seguire, trucchi del mestiere che possono semplificare la vita di tanti padroni di felini, costretti a scattare solo quando il micio dorme!

La prima regola per fotografare un gatto, o qualunque animale domestico, riguarda la luce nei luoghi aperti e chiusi. Di solito, i professionisti scelgono di fare le foto in giardino per mettere l’animale a proprio agio e per mimetizzare la sua attrezzatura, la quale potrebbe incutere timore a un gatto timoroso. Gli scatti devono essere effettuati nelle prime due ore di sole e nelle ultime due, ovvero all’alba o al tramonto. La prima ragione è che si evita il caldo torrido dell’estate, e seconda cosa, perché c’è la luce naturale giusta per risaltare l’immagine. Se il set è in un luogo chiuso, invece, la luce deve essere sempre alle spalle di chi fotografa, in modo che il soggetto sia sempre illuminato.

Seconda regola per fotografare un felino, evitare sempre luoghi affollati e confusionari, il micio deve sentirsi a proprio agio nell’ambiente. E’ utile portare la sua cuccetta o qualche giochino per distrarlo e cogliere l’attimo.

La terza regola è da osservare con cautela: il fotografo deve riuscire a porsi all’altezza del gatto con la macchina fotografica in linea coi suoi occhi. Non si chiede di scattare fotografie troppo ravvicinate con l’animale, solo vedere il mondo coi suoi occhi. Sarà più facile avere foto perfette così invece che provare a  fare lo scatto perfetto dall’alto.

Quarta e ultima regola: sistemare il micio in posizione rialzata rispetto all’obiettivo per uno scatto migliore. Essa vale sia all’aperto, sia in un luogo chiuso, badando bene di non lasciare oggetti per terra, per rendere la foto più nitida. Sarà sufficiente porli su una sedia o un divano. Che sia un cucciolo, un gatto adulto o un gatto anziano, se di carattere è irrequieto potrà sembrare irrealizzabile, ma con pazienza e dolcezza sicuramente verrà una foto perfetta, degna di essere incorniciata!

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma potete inviarci una e-mail e vi risponderemo al più presto.

Sending

©2022 ForumCani.com

or

Log in with your credentials

Forgot your details?