Ancora una aggressione, improvvisa ed inaspettata, di un cane “non aggressivo” contro un bambino. La nuova tragedia si è verificata a Aci S.Antonio, nel catanese, la vittima è un bambino di tre anni. Ha subito alcuni morsi, ma per fortuna non è stato colpito in organi vitali. E’ stato sottoposto a intervento chirurgico ed è ricoverato in prognosi riservata. La madre del bambino parla dell’episodio come di un incubo, e del suo cane come un animale buono e affatto aggressivo. Sarebbe uscito dal recinto nel quale si trovava ed azzannato il bambino. Per quale ragione non l’ha detto. Un mistero. “Fatalità”, dicono. M è capitato troppe volte perché si tratti solo di fatalità. I cani sono i migliori amici dell’uomo, fino a prova contraria, ma tenerli con sé comporta alcuni doveri, primo fra tutti la prevenzione, che può essere esercitata se si conosce l’animale e se l’animale è stato “educato”.

A pochi chilometri da Aci S.Antonio, n Mascalucia qualche mese fa c’è stata una tragedia ben più grave, un bambino di un anno e mezzo sbranato. E’ morto. Ottanta morsi. Tanti ne sferrò morsi il dogo che ha sbranato il 16 agosto scorso Giorgio, il bambino di un anno e mezzo di Mascalucia. La madre di Giorgio avrebbe tentato di strappare il figlio al cane, ingaggiando una battaglia con l’animale. Della battaglia  porta ancora i segni. Ma non è servito a niente. Il cane era inferocito, e non si riesce ancora a trovare una motivazione che spieghi tanta ferocia.

Il piccolo Giorgio è stato dilaniato, subendo una morte orrenda. E’ stata la madre a raccontare ai magistrati che l’hanno interrogata i particolari sconvolgenti della tragedia vissuta nella sua villetta di Mascalucia. La donna ha detto di essere stata sempre in compagnia di Giorgio, di non averlo mai lasciato in giardino da solo con il cane nemmeno un istante.

Deve essere durata un’eternità quella battaglia della madre di Giorgio con il cane. Il bimbo infatti è morto dissanguato, a causa dell’accanimento con il quale il cane si è avventato sul bambino, senza che la madre potesse strapparglielo e salvarlo. Se la madre è intervenuta subito, vuol dire che anche per lei è stata un terribile lungo incubo.

Nella villetta c’erano due cani di difesa, entrambi di razza, dogo argentino, ma soltanto uno dei due, il maschio, ha inveito ed ucciso il piccolo Giorgio.

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma potete inviarci una e-mail e vi risponderemo al più presto.

Sending

©2022 ForumCani.com

or

Log in with your credentials

Forgot your details?