Questo topic ha 1 risposta, 2 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 13 anni, 8 mesi fa da expert.

  • Autore
    Post
  • #2936
     micha
    Partecipante

    \"dentro il figlio, fuori il cane\"

    mi chiamo tex. adesso che ho 9 anni.
    quand’ero piccino mi chiamavano con un altro nome… ora non lo ricordo più.
    avevo una cuccia calda. e una ciotola piena di pappa.
    ma soprattutto avevo una mamma e un papà umani che mi riempivano di coccole.
    di sera la mamma umana mi faceva salire sul lettone e mi teneva stretto stretto. poi tornava il papà umano dal lavoro
    e fingeva di arrabbiarsi con noi, ma poi saltava addosso alla mamma e giocavamo come pazzi ridendo a squarciagola.
    al mio primo compleanno la nonna umana mi ha preparato una torta, ed è diventata routine.
    poi alla mamma umana è cresciuta una pancia gigante, mi diceva che dentro viveva il mio fratellino ed io aspettavo con
    ansia che uscisse per giocare con lui e insegnargli a riprendere la palla.
    avevo già deciso che gli avrei regalato la mia cuccia, io avrei potuto dormire fuori, avevo sempre sognato un fratellino
    e volevo proteggerlo in ogni modo.
    al mio quarto compleanno la pancia della mia mamma umana pareva esplodere. nessuno mi ha fatto la torta nè gli auguri.
    qualche giorno dopo mamma e papà hanno litigato, gridavano come matti e io ho avuto tanta paura.
    poi papà mi ha fatto salire in macchina. amavo andarci tenendo la lingua a penzoloni fuori dal finestrino, ma quella volta
    non me lo ha lasciato fare.
    mi ha portato in un posto che puzzava di sporco e una signora gentile mi ha portato in una gabbia piccola e buia.
    il papà piangeva e mi gridava \"ti voglio bene\", non capivo, ero spaventato.
    i giorni passavano, e poi i mesi, ma nessuno tornava mai a prendermi…
    sono 5 anni che aspetto il ritorno dei miei genitori umani, ormai ho quasi perso le speranze.
    quello che mi chiedo da quando sono qui è \"chi sorveglierà il mio fratellino?\"
    chissà se anche lui, che dava calcetti al mio naso da dentro la pancia della mamma, si starà chiedendo dove sono finito?
    forse un giorno verrà qui e mi porterà di nuovo a casa, mi lascerà dormire nella cuccia perchè sono tanto stanco e vecchio,
    e lui dormirà fuori per sorvegliarmi…
    forse… io aspetterò… aspetterò…

    \"pittbull\"

    quand’ero cucciola il buio mi spaventava. allora mi rintanavo in mezzo ai miei fratellini e sorelline e mi sentivo al sicuro.
    ora il buio è la mia condizione di vita perenne. sento guaiti e abbai a tutte le ore del giorno e della notte.
    sento cani che ringhiano, che litigano, che graffiano su qualcosa di metallico. e io non mi muovo, terrorizzata da un
    improvviso attacco.
    non ho idea di cosa mi circondi.
    ogni giorno sento qualcuno avvicinarsi a me. \"sono io ombra\" dice la voce \"sono una tua amica!\". io mi arrabbio,
    ma solo perchè vorrei vedere di chi è questa voce che ha la capacità di farmi sentire bene per alcuni istanti.
    ma per tutta risposta la voce sospira e si allontana. \"questa pitt bull è irrecuperabile, appena mi avvicino inizia
    a ringhiare… non le troveremo mai una casa…\".
    non capisco bene cosa significhi. \"casa\" è una parola che non ho mai sentito.
    \"pitt bull\" invece si, quando ancora vedevo, quando ancora girovagavo libera per i campi, la sentivo pronunciare spesso
    dai contadini. non so esattamente cosa voglia dire, ma so che è qualcosa di cattivo e malvagio, quando gli umani
    la dicevano, si sentiva la paura nelle loro voci.
    \"oddio un pittbull\" oppure \"papà non avvicinarti, è un pittbull!!\"…
    l’ultima volta che l’ho sentita quando ancora vedevo, è stata da parte di un uomo cattivo. ha gridato \"non ammazzerai
    ancora le mie pecore pittbull assassino!\" e mi ha lanciato addosso dell’acqua.
    ma quest’acqua bruciava, bruciava tanto, non riuscivo più a respirare e il mio muso sembrava aver preso fuoco.
    quando mi sono risvegliata, non so quanto tempo fosse passato, ero qui, dove sono ora, e intorno a me solo l’ombra…
    ombra… proprio come me…

    \"senza speranza\"

    molto spesso, quando i visitatori umani entrano nel canile, si fermano alla mia gabbia. \"ma quanto è bello questo cane?!\"
    dicono sovente. e poi \"vieni qui… vieni bello…\" battendo le mani per richiamarmi.
    vorrei tanto alzarmi e fargli mille feste come fa buck, il mio vicino, che però nessuno prende perchè, come dice la
    volontaria, è troppo vecchio.
    e proprio lei, la mia amata volontaria, risponde sempre \"dick è paralitico alle zampe posteriori, non può alzarsi\".
    allora le persone fanno qualche commento sconsolato, come \"povera bestia\" o \"povero tesoro\", e se ne vanno a guardare gli
    altri cani.
    di notte sogno sempre che qualcuno, magari un bambino, dica \"a me non importa se dick non può correre, voglio che venga via
    con me e mi regali tutto il suo amore\", e ogni mattina mi sveglio con questa speranza, mi dico \"dai, oggi sento che è il
    giorno buono, verrò adottato e avrò una famiglia umana tutta per me!!\".
    ma poi i cancelli del canile chiudono, giunge l’imbrunire, ed io sono ancora qua, steso nella stessa posizione, ad aspettare
    che qualcuno venga a pulirmi e muovermi un po’.
    sono dieci anni che prego perchè sia il giorno buono.
    dieci anni che aspetto il bambino dei miei sogni.
    quando sono arrivato ero un cucciolo di pochi mesi. il bambino che sognavo allora, ormai, sarà già grande. e di sicurò avrà
    un bel cane \"funzionante\" cresciuto assieme a lui.
    non ho ancora perso la speranza nè la fiducia… almeno credo.
    ma domattina, quando il sole sorgerà, continuerò a dormire, dormirò per sempre, perchè finalmente potrò prolungare il mio
    sogno in eterno senza false illusioni.
    domani, sul ponte dell’arcobaleno, troverò qualcuno che mi amerà. e finalmente anch’io potrò correre e saltare felice.

    \"torno indietro\"

    \"e due\" dice il volontario guardandomi sconsolato. \"ma che hai combinato stavolta nero?\".
    io scodinzolo, ma dentro soffro da morire. anche stavolta sono stato riportato al canile.
    la mia storia, lo so, è una delle tante qua dentro.
    ed io, lo so, sono uno dei tanti. un anonimo meticcio nero senza arte nè parte, ma con un \"sorriso\" che contagia.
    almeno, questo è quello che dicono di me.
    mi chiamo nero e ho 2 anni. se devo dire qualcosa di me è che ho una gran voglia di vivere e di giocare!
    sono nato in una casa fatiscente, dove alcune persone portavano spesso da mangiare a me, la mia mamma e la mia
    sorellina roxy.
    un giorno, avevo circa due mesi, è arrivato un uomo che ha caricato me e roxy su un furgone e ci ha portati qui, al canile municipale.
    solo pochi giorni dopo una ragazza ha preso roxy in braccio dicendole \"tu sei il mio nuovo cane\" e riempiendola di baci.
    non la ho mai più rivista.
    ero molto triste e mi sentivo solo, vedevo altri cuccioli andarsene scodinzolando con un collarino nuovo accanto ai visitatori
    e pensavo che io sarei rimasto là a vita.
    invece, all’età di sei mesi, un bellissimo bambino biondo mi ha indicato con la manina. \"voglio lui!!\" ha detto ridendo.
    ed io me ne sono uscito con la mia nuova famiglia e un’aria fiera stampata in volto. pensavo all’invidia di tutti gli
    altri cuccioli e mi dicevo che anche il loro momento sarebbe arrivato.
    la nuova casa era bellissima, con un grande giardino dove correre libero e tanti tanti giochi tutti per me!!
    il \"mio\" bambino voleva sempre che lo rincorressi e poi ci ruzzolavamo sul prato ridendo come matti.
    di mattina stavo a cuccia perchè lui andava a \"scuola\", non ho idea di cosa sia questo posto, ma il mio compito in quelle ore
    era stare buono e fare il bravo.
    quando tornava mi correva incontro e facevamo la lotta.
    un giorno in uno di questi momenti di gioco ho affondato un po’ troppo i dentini nel braccio del \"mio\" bambino e gli
    è uscito del sangue. ero mortificato e mi sono rintanato nella cuccia.
    dentro casa sentivo la mamma gridare \"…in canile! non dovevamo fidarci! ora lo riportiamo indietro e prendiamo un bel
    cane equilibrato in un allevamento!\". il mio amichetto piangeva dicendo \"nero non lo ha fatto con cattiveria, stavamo
    solo giocando!!\". ma lei non ha sentito ragioni. il giorno dopo ero di nuovo nel mio box, senza voglia di mangiare, di bere,
    di vivere.
    pensavo solo al mio padroncino adorato, e mi chiedevo perchè mi avesse abbandonato così…
    i volontari erano preoccupati per me, mi facevano delle punture che, dicevano loro, servivano per mangiare visto che non lo
    facevo da solo.
    ma poi la luce è tornata nei miei occhi quando un ragazzo moro si è fermato al mio gabbio indicandomi.
    e in poche ore eccomi di nuovo felice, in una casa ancora più grande, stavolta senza bambini con cui giocare, ma con una
    bellissima cagnolona a macchie che mi ricordava tanto la mia mamma.
    belle ed io siamo diventati subito amici. le ore con lei volavano, la cuccia era più calda, il cibo più buono.
    tutto sembrava perfetto.
    mesi di felicità si susseguivano l’un l’altro ed ero talmente felice…
    poi nella nostra vita è entrata una strega! il padrone la chiamava \"amore\" e \"tesoro\", ma proprio un amore non era!!
    ogni volta che belle ed io ci avvicinavamo strillava come una papera, e ci cacciava col bastone della scopa.
    \"un cane posso anche sopportarlo, ma due…\" diceva di continuo.
    \"terremo belle. nero dovrà tornare al canile\" ha risposto un giorno il mio padrone sconsolato.
    \"scusami amico\" ha avuto anche il coraggio di dirmi prima di chiudere ancora una volta la porta del box del canile alle sue
    spalle… amico… ma un amico non si abbandona così…
    ed eccomi ancora qui, senza sapere cosa mi succederà ora.
    l’unica cosa di cui sono certo è che i volontari non mi descriveranno più come uno che ho una gran voglia di vivere e di giocare..
    perchè io, quella voglia, proprio non la ho più.

    #2937
     expert
    Amministratore del forum

    nn ho parole…spero che queste storie servano a far riflettere…spero che tutto questo non sia vero…spero di non trovarmi mai nella condizione di incrociare sulla mia strada qualcuno che abbia il coraggio di dirmi che era fra questi \"umani\"…

    provo un’infinita rabbia…

Stai visualizzando 2 post - dal 1 a 2 (di 2 totali)

Devi essere connesso per rispondere a questo topic.

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma potete inviarci una e-mail e vi risponderemo al più presto.

Sending

©2021 ForumCani.com

or

Log in with your credentials

Forgot your details?