Veleno ai gatti, Brebbia in battaglia: «Pericoloso anche per i bambini»

Il sindaco di Brebbia Domenico Gioia ha firmato un avviso che sarà affisso in tutto il paese

  • Mercoledì 10 febbraio 2016

Veleno ai gatti, Brebbia in battaglia: «Pericoloso anche per i bambini»

L’amministrazione comunale scende in campo contro gli avvelenatori dei randagi. Il sindaco Gioia: «I cittadini segnalino qualsiasi caso sospetto alle forze dell’ordine»

BREBBIA – Un avviso dai toni e dai contenuti molto netti, per mettere fine alla strage di gatti andata in scena in questi ultimi mesi a Brebbia. La morte per avvelenamento nelle ultime due settimane di una quindicina di mici randagi accuditi nel cortile di un’azienda in via per Cadrezzate, nella zona industriale del paese, denunciati sul nostro giornale dall’imprenditore e consigliere comunale Giuseppe Autovino, ha fatto scattare l’allarme. Un veterinario dell’Asl di Laveno Mombello e la polizia locale hanno effettuato ieri un sopralluogo nel cortile dell’azienda dove i gatti erano ospitati, per cercare qualche traccia utile a risalire ai responsabili, mentre i resti di due dei poveri animali sono stati inviati ad un laboratorio di Binago, per accertare che tipo di veleno li abbia uccisi.

Non è il primo caso

L’anno scorso in un’altra zona di Brebbia, a Ronchè, un gatto fu ritrovato morto, ferito a morte da una fucilata, mentre un altro micio si salvò per miracolo. Un boccone avvelenato, sempre lo scorso anno, uccise nel giardino di casa anche uno dei gatti della consigliera comunale Lorenza Cazzola. Un’escalation preoccupante a cui l’amministrazione vuole porre fine, anche per evitare che qualche esca piena di veleno possa essere ingerita da qualche bambino. «La pratica di avvelenare gli animali, oltre a essere sintomo di profonda inciviltà è un’azione gravemente irresponsabile perché i veleni, in particolare sotto forma di esche e bocconi, sono pericolosi per tutti gli animali e anche per le persone, soprattutto per i bambini, nonché per l’ambiente» afferma il sindaco Domenico Gioia, che ha firmato di suo pugno l’avviso che sarà affisso in tutto il paese. «Si invitano tutti i cittadini a segnalare qualsiasi caso di sospetto avvelenamento alla polizia locale o ai carabinieri – prosegue il primo cittadino – per aumentare l’attenzione e per individuare i responsabili di queste pratiche barbare». Nell’avviso comunale si ricordano anche le conseguenze penali a cui possono andare incontro gli avvelenatori di gatti e animali o chi si macchia di maltrattamenti o altre crudeltà ai loro danni.

Sanzioni pesanti

L’articolo 544 del codice penale prevede una pena da quattro mesi a due anni per chi uccide un animale, mentre per chi li maltratta è prevista la reclusione da tre a 18 mesi e una multa da 5mila a 30mila euro. L’amministrazione ha allegato all’avviso anche una serie di consigli utili per difendersi dai bocconi avvelenati, secondo quanto suggerito dal ministero della Salute. Alla comparsa dei primi sintomi di sospetto avvelenamento, il consiglio ad esempio è quello di rivolgersi subito a un veterinario, evitando di somministrare all’animale sostanze come latte o bicarbonato di sodio o altri farmaci. Porre fine alla moria di gatti randagi e non, è l’obiettivo dell’avviso comunale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

WhatsApp Ti è piaciuto quest’articolo? Iscrivendoti al servizio WhatsApp, potrai ricevere le notizie più importanti direttamente sul tuo smartphone. Clicca qui per iscriverti

Altri articoli

Mercoledì 10 febbraio 2016

Boriani, appello su Facebook: «Occhio alla banda del buco»

Mercoledì 10 febbraio 2016

Varese: la vicina vede un ladro in azione e dà l’allarme e lui finisce in manette

Martedì 09 febbraio 2016

Due colpi in dieci giorni a Mustonate. «I ladri sono buongustai?»

Altro blitz nel week-end all’Osteria delle Scuderie di Mustonate. Testa tra rabbia e ironia: «Venite, vi offro la pasta ». Zona nel mirino

Martedì 09 febbraio 2016

Deborah e la norma che non c’è. Per ora le cure se le deve pagare

Alle 10.40 la nostra Simona Carnaghi sarà in diretta su Radio Padania per cercare di affrontare e risolvere il problema della signora di Sangiano …

Martedì 09 febbraio 2016

In frontiera con l’eroina: è iraniano

Arrestato 38enne dalle Fiamme Gialle mentre attraversa il confine a piedi con 135 grammi di droga. L’uomo, senza documenti di riconoscimento, trasportava anche marijuana …

Martedì 09 febbraio 2016

Alcol ai ragazzini e lavoro irregolare. Chiusi due locali a Varese

Articoli più letti

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma potete inviarci una e-mail e vi risponderemo al più presto.

Sending

©2022 ForumCani.com

or

Log in with your credentials

Forgot your details?