«Stavo facendo il solito controllo e tutto sembrava nella norma quando ho sentito un pianto straziante provenire dal basso. Aiutandomi con la torcia ho poi visto un piccolo gatto congelato ed immerso nella neve proprio sotto il motore del treno». Così, durante un controllo di routine, Brad Slater si è accorto della presenza del micio praticamente congelato in una stazione ferroviaria canadese. 

Un vero miracolo visto il freddo di quelle ore e che il conduttore di treni aveva appena finito il suo turno di lavoro. Un intervento giusto in tempo per salvarlo. 

L’uomo, appassionato di felini (ne ha tre in casa), si è subito preso cura del nuovo arrivato e lo ha chiamato con il soprannome di “Q-199”, ossia il numero di identificazione del treno dove il piccolo felino si era nascosto.  

Anche se privo di microchip, il gattino sembrava un animale domestico così l’uomo ha deciso di condividere la sua storia su Facebook e sui media locali per vedere se ci fosse qualcuno che lo stava cercando. E proprio guardando un telegiornale telegiornale, Brent Hahn e sua moglie Lynn Hahn si sono resi conto che quel gatto era il loro Tiger, smarrito a fine novembre.  

La coppia vive a Melville, la città da dove era partito il treno che aveva trasportato il povero felino. E da lì deve essere partita l’avventura del micio miracolato. Una storia che ora ha il suo lieto fine con il ritorno a casa, ma con la consapevolezza di aver trovato un nuovo amico umano. 

Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riservati.

*****AVVISO AI LETTORI******

Segui le news di LaZampa.it su Twitter (clicca qui) e su Facebook (clicca qui)

*********************************