La radiologia cardiaca dovrebbe essere utilizzata come metodo di screening per evidenziare patologie cardiache severe/avanzate e per valutare i segni radiografici associati all’insufficienza cardiaca e alla risposta terapeutica.

La valutazione radiografica della forma e dimensioni cardiache può spesso essere difficile e richiedere come diagnostica addizionale l’ecocardiografia. Nella valutazione radiologica delle patologie cardiache è importante esaminare anche i vasi polmonari per ottenere così un quadro diagnostico più accurato di un’eventuale disfunzione cardiocircolatoria.

Le arterie e le vene polmonari periferiche dovrebbero essere di dimensioni simili. In caso di alterazione di dimensioni delle arterie, vene o entrambe le arterie e le vene polmonari, si deve sospettare una disfunzione a carico del sistema cardiocircolatorio.

Un aumento di dimensioni dell’ombra cardiaca in una lastra toracica non rappresenta necessariamente una “cardiomegalia Vera”. La silhouette cardiaca visibile su una lastra toracica è, infatti, composta principalmente dal pericardio e dal cuore stesso e di conseguenza qualsiasi accumulo di fluidi o tessuti patologici nel sacco pericardico contribuirà ad un aumento di dimensioni dell’ombra cardiaca. Oltre a ciò, in pazienti obesi, l’accumulo di grasso attorno al sacco pericardico può essere ingannevole e simulare una cardiomegalia.

insufficienza cardiaca congestizia

Un aumento “vero” di dimensioni degli atri è solitamente secondario ad un sovraccarico di volume che comporta un incremento del suo diametro intraluminale. Un aumento di dimensioni dei ventricoli può invece essere secondario ad un sovraccarico di volume o di pressione che comporta rispettivamente un’ipertrofia eccentrica o concentrica della parete ventricolare. L’ipertrofia ventricolare eccentrica e concentrica sono rispettivamente associate ad un incremento e ad una diminuzione del diametro intraluminale ventricolare. In caso d’ipertrofia ventricolare concentrica sinistra i segni radiografici d’ingrossamento ventricolare possono essere assenti.

La valutazione di una radiografia toracica va sempre effettuata in maniera sistematica. Utilizzando il cosiddetto metodo centripeto, si vanno ad osservare tutte le strutture intratoraciche ed extra-toraciche partendo dall’esterno e proseguendo appunto in modo centripeto verso il centro della cavità.

Un’altra metodica che aiuta a riconoscere ed esaminare scrupolosamente tutte le strutture cardiovascolari è quella in cui l’ombra cardiaca viene paragonata ad un orologio sia nel radiogramma latero-laterale che in quello dorso-ventrale. In questo caso ad ogni ora o intervallo di tempo corrisponde una determinata camera cardiaca o vaso.

In ambito cardiaco è stata ideata da Buchanan la Vertebral Heart Scale (VHS), che permette di definire la presenza d’ingrandimento cardiaco utilizzando una scala di valori che mette in correlazione la somma della lunghezza dei due assi cardiaci, e la lunghezza delle vertebre toraciche a partire dalla quarta.

Nel cane risulta normale un valore compreso tra 9,7± 0,5, mentre nel gatto 7,5 ± 0,3.

Se ti è piaciuto l’articolo, iscriviti al feed o alla newsletter per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti di TGVET.net.
Lascia un commento per dire la tua o per chiedere informazioni

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma potete inviarci una e-mail e vi risponderemo al più presto.

Sending

©2022 ForumCani.com

or

Log in with your credentials

Forgot your details?