saitta copySui nuovi LEA, che non sono ancora pubblicati in Gazzetta, il Ministro Lorenzin assicura il confronto con le Regioni “per una corretta applicazione”.

Manca ancora il parere della Corte dei Conti, ma la pubblicazione dei nuovi Lea in Gazzetta Ufficiale dovrebbe arrivare “in tempi brevissimi”. Lo dichiara Beatrice Lorenzin dopo la firma dei nuovi Lea da parte del Premier Gentiloni. Il Ministro ha anche assicurato il confronto con le Regioni per una corretta applicazione dei Livelli Essenziali di Assistenza, ricordando che il nomenclatore- novità della riforma- sarà aggiornato ogni anno. Il DPCM dei nuovi LEA prevede infatti l’assegnazione ad una apposita Commissione- già insediata – di compiti di monitoraggio e di revisione delle prestazioni garantite dal SSN.

800 milioni non saranno sufficienti- Il Coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni, Antonio Saitta, ha dichiarato che “per evitare ritardi, abbiamo dato il nostro assenso, a condizione che nella commissione nazionale Lea si faccia una verifica dei costi e si proceda, se necessario, con un aumento delle risorse”. Saitta ha infatti aggiunto: “Non nascondiamo il fatto che secondo le nostre stime le risorse previste a livello nazionale per le Regioni, 800 milioni di euro, non siano sufficienti”.

Necessarie assunzioni di personale- Nel suo ruolo di Assessore alla Sanità del Piemonte, Antonio Saitta, ha spiegato in consiglio regionale come la Regione intende applicare i nuovi Livelli essenziali di assistenza, a partire da una verifica della situazione esistente e dell’impatto economico e organizzativo sulla sanita’ piemontese. Poi un piano di attuazione sul territorio, per ogni azienda sanitaria, in modo da arrivare all’attivazione delle prestazioni entro un paio di mesi. ” Il nostro obiettivo – ha spiegato- è di garantire i servizi a tutti in modo omogeneo e dunque intendiamo accelerare i tempi di attivazione. Ma potremo agire solo dopo un’attenta analisi della situazione, che ci consenta di procedere anche alle necessarie assunzioni di personale”.Secondo Saitta, il provvedimento richiede un potenziamento delle attivita’, delle risorse economiche e professionali, per cui si dovra’ tenere conto della situazione esistente e delle differenze
fra le varie regioni per quanto riguarda le prestazioni gia’ erogate. In questo senso, anche per quantificare il reale fabbisogno economico del Piemonte, e’ fondamentale procedere con una preventiva ricognizione sul campo.

Una sfida etica per le Regioni– Nel corso di una intervista a Radio Uno RAI, il Ministro Lorenzin ha ricordato che la sanità “è affidata essenzialmente alle regioni e abbiamo diversi tipi di sistemi sanitari e con diversi livelli sanitari di assistenza, con sperequazioni inaccettabili tra alcune regioni del sud e il nord. Il grande sforzo fatto per dare accesso ai cittadini al massimo delle cure in tutto il paese deve essere rispettato – ha detto Lorenzin – e questa è una grande sfida per i sistemi regionali, anche etica”.

Firmati i nuovi LEA, Lorenzin: le Regioni collaborino

Nuovi LEA Area Veterinaria

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma potete inviarci una e-mail e vi risponderemo al più presto.

Sending

©2022 ForumCani.com

or

Log in with your credentials

Forgot your details?