Dopo orsi e lupi, ecco il gatto selvatico, che ha fatto la sua prima comparsa sul monte Bondone, immortalato da una fototrappola (Foto Claudio Groff – Archivio Servizio Foreste e fauna Pat).

È la prima «prova» della sua presenza in Trentino, spiega la Provincia,  e si tratta di un evento storico che si inserisce nel quadro di espansione della specie nel Triveneto e che sta suscitando grande interesse e curiosità a livello nazionale.

Il gatto selvativo europeo (Felis silvestris) è una specie particolarmente protetta dalla normativa europea e nazionale: questo è stato fotografato il 5 dicembre scorso sulle pendici orientali del monte Bondone, a circa 650 m di quota.

Il gatto selvatico europeo si distingue dal gatto domestico per vari caratteri interni ed esterni, ma anche il solo esame del disegno e del colore del mantello consente di riconoscerlo con precisione. Ciò ha permesso di identificare l’animale ripreso dalla fototrappola. Questo soprattutto grazie alle conoscenze derivanti dallo studio genetico e morfologico di più di un centinaio di gatti selvatici del Triveneto (da parte del Museo Friulano di Storia Naturale e di Ispra) che ha evidenziato come vi sia una notevole congruenza fra criteri di identificazione morfologici e quelli genetici. In particolare i principali elementi distintivi sono la coda clavata con anelli neri distintamente staccati uno dall’altro, la striscia nera vertebrale che si arresta prima dell’origine della coda, le orecchie color ocra senza apice nerastro, quattro strisce nere nella regione occipito-cervicale (due per lato), quattro strisce toraciche verticali nere ed il colore fieno che costituisce lo sfondo del mantello.

Secondo gli esperti che operano sulla specie in Friuli V.G., Slovenia, Toscana e Germania e che hanno potuto visionato le foto, si tratta di un maschio giovane. È il primo dato di presenza di questa specie in Trentino, la cui origine resta incerta, forse legata alla popolazione presente nella vicina provincia di Belluno. Per il Trentino non sono noti neppure dati storici di presenza del felide.

Il gatto selvatico non è mai stato sottoposto a domesticazione. Prevalentemente notturno e molto elusivo, vive in boschi di latifoglie termofile, in genere a quote medio basse. Si nutre di piccoli mammiferi, ma i giovani catturano anche anfibi, rettili, pesci e grossi insetti. Un maschio di gatto selvatico europeo difende un territorio di caccia di grandezza variabile tra 2 e 10 chilometri quadrati. Lo marca con schizzi di urina e grattatoi su alberi scabri, e lo difende con parate intimidatorie nei confronti di altri eventuali maschi piuttosto che con combattimenti cruenti. Le femmine riproduttive vengono in genere tollerate negli areali maschili. La forma selvatica europea si riproduce una volta l’anno. Gli accoppiamenti avvengono in primavera, tra febbraio e marzo. Dopo due mesi di gestazione nascono 2-3 piccoli che in autunno sono già indipendenti.

Gatto selvatico e gatto domestico sono potenzialmente interfertili, ma in natura ci sono barriere comportamentali che limitano l’incrocio tra i due.

Nel nostro paese la percentuale di ibridi è compresa fra il 2,1% e l’8,3%, ma in altre zone d’Europa varia notevolmente (Ungheria e Turingia: 40%, Scozia: 80%, ecc.).

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma potete inviarci una e-mail e vi risponderemo al più presto.

Sending

©2022 ForumCani.com

or

Log in with your credentials

Forgot your details?