ckd

Iniziamo oggi un ideale percorso dedicato alla nefropatia cronica felina, una delle principali patologie renali del gatto, comunemente nota con l’acronimo inglese CKD (chronic kidney desease)

La nefropatia cronica è intesa sia come un danno renale persistente da almeno tre mesi, con o senza riduzione della velocità di filtrazione renale (GFR), che come nefropatia caratterizzata da una riduzione della GFR di oltre il 50% da più di tre mesi. In sostanza la CKD è un’alterazione strutturale e/o funzionale di uno o entrambi i reni, presente da più di tre mesi.

Bisogna fare attenzione perché un soggetto nefropatico con CKD NON necessariamente presenta insufficienza renale cronica ovvero una perdita progressiva e irreversibile della massa renale funzionante: come detto pocanzi, infatti, la nefropatia può non aver determinato una riduzione della GFR, indice sensibile e specifico di funzionalità renale residua. Quindi nefropatia cronica non sempre è sinonimo di insufficienza renale cronica.

CKD è un termine generico che non da indicazioni sulla causa sottostante il danno ai reni: l’eziologia può essere eterogenea e, spesso, non si riesce a risalire alla causa reale. In linea generale si distinguono due gruppi di patologie: congenite e acquisite.

Le patologie congenite sono alterazioni presenti dalla nascita e comprendono anche le malattie ereditarie: la più comune, tra queste, è il rene policistico, causata da un gene autosomico dominante, particolarmente diffusa nei persiani e incroci-persiani. Altre malattie congenite sono l’amiloidosi renale negli abissini, siamese e gatti orientali, la malattia glomerulare dell’abissino e la displasia renale giovanile.

Patologie acquisite, identificate o sospetta causa in molti casi di CKD sono:

renal-failure-cat

  • uroliti nel tratto urinario superiore: non è chiarito se siano causa o conseguenza di CKD, ma azotemia e iperfosfatemia sono frequenti riscontri oltre ad una riduzione volumetrica di uno dei due reni

  • linfoma renale: è la neoplasia renale primaria più frequente nel gatto e potrebbe causare CKD

  • ipertiroidismo:è la patologia endocrina più frequente nei gatti anziani e si riscontra spesso in concomitanza con una nefropatia cronica. In molti casi può esser considerato causa di CKD; in altri è in grado di esacerbare o mascherare una preesistente nefropatia che può divenire manifesta dopo aver instaurato la terapia contro l’ipertiroidismo

  • infezioni: possono verosimilmente giocare un ruolo causale in casi di CKD. C’è evidenza di relazione tra nefropatia cronica e virus dell’immunodeficienza felina (FIV) e virus della leucemia felina (FeLV)

  • farmaci nefrotossici: alcuni quali aminoglicosidi, antinfiammatori non steroidei e farmaci antineoplastici, possono provocare forme di insufficienza renale acuta (AKI). Un recupero incompleto dopo un episodio di AKI può favorire l’insorgenza di una nefropatia cronica.

  • diete inappropriate: eccesso di proteine e acidi, carenza di potassio possono, alla lunga, favorire l’insorgenza di nefropatia cronica

Nel prossimo capitolo affronteremo la patogenesi e i fattori di rischio di CKD. Continuate a seguirci sul Tgvet.

A cura della dott.ssa Martina Chiapasco della Clinica Veterinaria Borgarello.

Se ti è piaciuto l’articolo, iscriviti al feed o alla newsletter per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti di TGVET.net.

Lascia un commento per dire la tua o per chiedere informazioni

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma potete inviarci una e-mail e vi risponderemo al più presto.

Sending

©2021 ForumCani.com

or

Log in with your credentials

Forgot your details?