Vicenza, 31 ottobre 2017 – Una lettere astiosa, e anonima, recapitata nella cassetta del ristorante “Nonno Egidio” di Schio (Vicenza), apre un “caso” sui cani che talvolta girano nelle sale dei locali pubblici. E rinfocola la polemica tra animalisti e chi non lo è. La vicenda l’ha raccontata con un post su Facebook la titolare del ristorante, Marta Benetti, dopo aver trovato la lettera, venerdì scorso.

«Entrati al ristorante per prenotare un addio al celibato con 30 persone. Dopo aver visto però il cane bastardo che gira per la sala e il bar – è scritto nella missiva – ci siamo guardati in faccia e siamo usciti senza proferire parola». «Abbiamo prenotato in un altro locale lì vicino, privo di luridi animali che girano per la sala». Un testo assolutamente anonimo, che potrebbe essere quindi solo uno scherzo di cattivo gusto, un’insolenza gratuita.

«Mi sto chiedendo anch’io se sia una storia vera oppure no – confessa la signora Marta – perché sia io che i miei collaboratori non ci ricordiamo di queste persone». Benetti conferma che Ariel, la piccola bastardina con cui vive da anni, se ne sta nell’appartamento sopra il ristorante, e solo qualche volta fa capolino al bar, benvoluta e accarezzata da tutti. Nella lettera gli autori della rimostranza anti-canina hanno anche indicato la somma che avrebbero speso per la cena nell’altro locale: 1040 euro. «Sono i 1040 euro più ben persi nella mia vita. Nel mio locale gli animali sono ammessi» ha replicato la donna, che ha detto di aver ricevuto attestati di solidarietà da molte associazioni animaliste. Peraltro i “coraggiosi” autori della missiva avrebbero fatto meglio a metterci la faccia, anzi la firma. Nome e cognome per siglare il loro punto di vista. Rispettabile finché non diventa anonimo che sa di sassi lanciati e mani nascoste.
animali@quotidiano.net

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma potete inviarci una e-mail e vi risponderemo al più presto.

Sending

©2022 ForumCani.com

or

Log in with your credentials

Forgot your details?