palazzo lombardiaLa riforma sociosanitaria lombarda aggiorna gli articoli che riguardano l’area della Salute mentale e quelli relativi alla Sanità pubblica Veterinaria.
Con il via libera della Commissione Sanità del Consiglio regionale, presieduta da Fabio Rolfi (Lega Nord), il provvedimento fa un altro decisivo passo avanti. Il no di M5S è stato motivato da Paola Macchi che, secondo quanto si legge in una nota regionale, ha evidenziato il non accoglimento dei propri emendamenti più significativi e misure a detta del suo gruppo insoddisfacenti sul randagismo.

Gli articoli che riguardano la Sanità pubblica veterinaria definiscono invece un modello organizzativo del settore che riconosce le specificità territoriali e valorizza soprattutto le aree a maggiore vocazione zootecnica. Gli operatori dell’intero comparto veterinario lombardo – spiega Rolfi – potranno usufruire finalmente di finanziamenti certi e risorse vincolate. Anche la pet terapy ha ora un suo riconoscimento e un inquadramento legislativo chiaro e definito”.

Durante la seduta della commissione Sanità,  è stato approvato un emendamento della Lega Nord riguardante la macellazione rituale. Federico Lena, consigliere regionale del Carroccio e primo firmatario del documento ha espresso soddisfazione “per il via libera a questa modifica che abbiamo voluto inserire nell’ambito specifico delle norme in materia di sanità pubblica veterinaria”. Con l’ok all’emendamento, nel progetto di legge “si chiede pertanto la verifica del rispetto della normativa sul benessere degli animali negli stabilimenti di macellazione, nonché la promozione dello stordimento dell’animale anche per quanto riguarda la macellazione rituale”. In particolare Lena cita quella islamica, nella quale “l’animale viene ucciso mediante un procedimento particolare, che conduce a una morte lenta e dolorosa. Come Lega Nord, abbiamo sempre osteggiato una pratica che riteniamo essere antiquata, oltre che profondamente crudele, in particolare tenuto conto che esistono tecniche che risparmierebbero sofferenze”. La misura, ricorda Lena, “per essere definitiva dovrà attendere l’approvazione da parte dell’Aula. Si tratta di una norma di buon senso che va nella direzione di una maggiore attenzione verso il benessere degli animali, magari evitando loro agonie inutili”.(AdnKronos Salute)

Riforma sanitaria: priorità al capitolo della sanità veterinaria

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma potete inviarci una e-mail e vi risponderemo al più presto.

Sending

©2022 ForumCani.com

or

Log in with your credentials

Forgot your details?