IZSTeramoSottoscritti gli ultimi atti formali del Masterplan. Nel 2017, i lavori della nuova sede andranno in appalto. Sinergia con l’Università di Teramo.
Ne dà notizia l’Istituto con una nota a firma della Presidente Manola Di Pasquale. La firma è avvenuta ieri 10 novembre 2016, tra i vertici dell’Istituto e il Presidente del Consiglio Matteo Renzi.

“Il progetto della nuova, modernissima sede dell’IZS di Teramo, a Colleatterrato, fa un decisivo passo avanti- si legge nel comunicato. Con questo atto viene acquisito “uno dei maggiori finanziamenti dell’intero Masterplan: ovvero 30 milioni di euro che vanno ad aggiungersi ai 12,5 milioni di euro già stanziati dal Ministero, sempre per il progetto della nuova sede, per arrivare ad un totale, immediatamente disponibile, di 42,5 milioni di euro”.

Si tratta di una somma che consente al presidente dell’IZSAM, Manola Di Pasquale, di “ufficializzare una notizia che l’IZS, ma anche Teramo e i teramani, stavano aspettando da tempo”: “Entro i primi sei mesi del 2017- è scritto-  i lavori della nuova sede andranno in appalto. Il nostro, infatti, è già un progetto esecutivo, e grazie allo stanziamento del Masterplan, possiamo passare alla fase operativa vera e propria.”

Grazie al Masterplan, a Teramo arriveranno altri 23 milioni di euro, che aggiunti ai 30 serviranno per la creazione di quel Polo Agro-Bio-Veterinario, che vedrà l’Università di Teramo strutturarsi, sinergicamente allo stesso IZSAM, nella creazione di un unicum nel panorama scientifico e accademico italiano”.

La firma del patto del Masterplan- spiega la nota di Presidenza-  “è l’atto conclusivo di un percorso lungo e complesso che ha visto i nuovi vertici dell’Istituto impegnati su più fronti, pur di raggiungere l’ambizioso traguardo. Come si ricorderà, infatti, il progetto iniziale verteva su un vero e proprio project financing, che avrebbe visto la concessione delle aree della “vecchia” sede di Campo Fiera all’imprenditore che, in cambio, si fosse impegnato alla costruzione della sede. Per le peculiari regole del project financing, però, l’imprenditore avrebbe dovuto dapprima investire per realizzare la nuova sede e, solo in un secondo momento, entrare in possesso delle aree della “vecchia” sulle quali realizzare interventi edilizi in grado, con la vendita, di rendere produttiva l’intera operazione. I costi dell’investimento, però, e la crisi economica, hanno via via reso sempre meno praticabile l’ipotesi del project financing, fino a far temere che la nuova sede diventasse una chimera.

Con l’arrivo del nuovo management, però, tanto la presidente Manola Di Pasquale, quanto il direttore Mauro Mattioli, hanno dato immediato impulso alla ripresa del progetto, cercando ogni possibile soluzione alternativa, ivi compresa quella della realizzazione “per fasi”, attingendo ai finanziamenti via via disponibili e, soprattutto, “monetizzando” le aree della sede storica.
La nuova soluzione, che si deve anche all’impegno profuso dal Presidente della Regione Abruzzo, Luciano D’Alfonso, “che ha voluto far sue le richieste avanzate dalla presidente Di Pasquale, consegue un duplice risultato: “Non solo avremo a disposizione 42,5 milioni di euro per la nuova sede, ma conserveremo la proprietà di tutte le aree della sede attuale – spiega Manola Di Pasquale – per le quali avremo modo e tempo di valutare soluzioni possibili, inclusa quella della parziale dismissione, sia per eventuali necessità di investimento per il completamento scientifico della nuova sede, sia per consentire la riqualificazione di un’area importante, e immediatamente a ridosso del centro storico, della città di Teramo.”

pdfIL_COMUNICATO_DELLA_PRESIDENZA_IZSAM.pdf107.73 KB

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma potete inviarci una e-mail e vi risponderemo al più presto.

Sending

©2023 ForumCani.com

or

Log in with your credentials

Forgot your details?