Un cane è stato ritrovato in condizioni di malnutrizione, in mezzo ai propri escrementi, rinchiuso in un gabbiotto, esposto alle intemperie e con una catena al collo. È accaduto a Prato, all’esterno di una ditta di confezioni gestita da cittadini cinesi al Macrolotto. Il cane è stato sequestrato dalle guardie zoologiche dell’Enpa e affidato a un canile.

L’Enpa è intervenuta su richiesta della polizia municipale dopo la segnalazione di un cittadino. Sono in corso indagini per verificare la legale detenzione dell’animale nonché la provenienza e gli accertamenti amministrativi del caso. Adesso la Procura di Prato potrà procedere per abbandono e maltrattamento di animale.

Patrizia Ovattoni, segretario provinciale Lega: “Fenomeno in espansione”

“Il fenomeno dei cani di grossa taglia, acquistati per difesa dai cinesi a Prato si sta espandendo, ed è legato anche al bisogno di sicurezza degli imprenditori orientali, che spesso utilizzano i cani per fare la guardia a capannoni, dormitori o abitazioni. Nella maggior parte dei casi sono cani di razza o comunque di grossa taglia, senza microchip identificativo e senza alcuna iscrizione all’anagrafe canina.

Questi animali vengono spesso mal custoditi, legati a catene corte o con collari stretti, poco e male alimentati o maltrattati e tenuti in piccole gabbie, spazi angusti o sui terrazzi, con qualsiasi condizione climatica. E non sono pochi quelli che devono stare in mezzo ai loro escrementi e con le ciotole mezze vuote o addirittura con acqua putrida.

A denunciare il problema sono state anche le guardie zoofile del nucleo provinciale dell’Oipa, che nel 2017 hanno verificato a Prato 40 casi simili, 30 dei quali riguardano animali detenuti da cittadini cinesi.

Nei primi mesi di questo anno ci sono già pervenute segnalazioni e lamentele anche da parte di cittadini pratesi che risiedono nel “Macrolotto Zero”, i quali lamentano casi analoghi di maltrattamento di cani da guardia e che, oltre a dispiacersi per le cattive condizioni di questi animali, protestano per il disturbo della quiete pubblica che deriva dal continuo abbaiare e latrare dei cani, che si protrae incessantemente giorno e notte e che impedisce al vicinato perfino di dormire.

Chiediamo alle autorità competenti di fare ispezioni e controlli, anche perché i cani sono spesso ben visibili anche senza entrare nei capannoni o nei cortili. E cogliamo l’occasione, per ricordare ai cittadini che possono segnalare e denunciare simili maltrattamenti, perché tutti insieme dobbiamo fermare questo modo incivile di tenere gli animali, trattati come oggetti nel totale disinteresse per il loro benessere. E ormai i cani, come gli altri animali, sono tutelati da leggi e norme ben precise: il loro mancato rispetto deve esporre gli incauti proprietari a tutti i provvedimenti giudiziari del caso”.

Tutte le notizie di Prato

<< Indietro

loading…

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma potete inviarci una e-mail e vi risponderemo al più presto.

Sending

©2021 ForumCani.com

or

Log in with your credentials

Forgot your details?