Martedì, 15 Settembre 2015 13:27

galoppoIl Ministero delle Politiche Agricole ha pubblicato le domande per l’import export di cavalli per finalità sportive, per le attività di riproduzione e gara all’estero.
IMPORT
Due i moduli di importazione definitiva, distinti per attività a cui è destinato il cavallo estero:
l’iscrizione al libro genealogico del cavallo trottatore italiano -La richiesta di importazione definitiva deve essere inviata, ai sensi della normativa dell’Anagrafe degli Equidi, entro7 giorni dall’introduzione dell’equide in azienda e deve essere preceduta dalla richiesta di valutazione in ordine ai requisiti di iscrivibilità al Libro genealogico del cavallo trottatore italiano. L’invio  della richiesta, da trasmettere via pec al Mipaaf, consentirà l’avvio dell’istruttoria il cui completamento è subordinato all’acquisizione  di tutta la documentazione necessaria in originale e all’accertamento dell’identità del cavallo mediante diagnosi del DNA
–  partecipazione a competizioni sportive (trotto)- Il modulo- previsto dall’articolo 38 del Regolamento Corse- prevede l’indicazione del luogo dove effettuare l’identificazione del cavallo, da compilare obbligatoriamente per l’effettuazione, esclusivamente da parte di un veterinario incaricato da questa Amministrazione, dell’identificazione rilevazione o inserimento microchip laddove non presente o non leggibile e del prelievo del campione biologico per l’esame del DNA.

Per cavalli importati definitivamente-nati U.S.A. e Canada- (trotto) la richiesta di passaporto dovrà precisare se si intende modificare la destinazione finale da destinato alla produzione di alimenti per il consumo umano (DPA) a NON DPA. Se la destinazione finale del cavallo non è già registrata sull’attestato di deposito, il cui originale deve essere restituito all’A.S.S.I., il cavallo è automaticamente escluso dalla produzione di alimenti per il consumo umano.
Per l’iscrizione di cavalli importati di razza Anglo-Araba e Orientale (sella), l’Amministrazione incaricherà un veterinario dell’Ente per sottoporre il cavallo a visita identificativa (rilevamento dati segnaletici,
lettura/ impianto microchip e prelievo del campione biologico per esame DNA).
Per i cavalli in entrata o di permanenza in Italia il Mipaaf rende disponibile i moduli di dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà.
Infine un apposito modulo è fornito per la registrazione del cavallo importato per il galoppo.

EXPORT
Esportazione definitiva o temporanea cavallo trottatore -Ai sensi della normativa dell’Anagrafe degli equidi, la cessione anche a titolo gratuito di un cavallo e la relativa esportazione definitiva deve essere comunicata entro 7 giorni dall’evento. Nel caso in cui venga trasferita la proprietà deve essere interamente compilata la seconda parte del modello che deve essere sottoscritto in originale da tutti i contraenti. In caso di comproprietà il presente modello deve essere sottoscritto dal soggetto indicato come proprietario responsabile ai fini della BDE. La richiesta, da inviare via pec, consentirà l’avvio dell’istruttoria il cui completamento è subordinato all’acquisizione al protocollo degli originali almeno 20 gg. prima della competizione sportiva a cui il cavallo deve partecipare, pena il mancato rilascio del certificato e la conseguente esclusione dei cavalli stessi dalla dichiarazione dei partenti. In caso di esportazione temporanea andranno indicati il detentore e illuogo in cui verrà temporaneamente ospitato il cavallo.
Esportazione definitiva in paesi extra UE (sella)-Ai sensi della normativa dell’Anagrafe degli equidi, la cessione anche a titolo gratuito di un cavallo e la relativa esportazione definitiva deve essere comunicata entro 7 giorni dall’evento. Nel caso in cui venga trasferita la proprietà deve essere interamente compilata la seconda parte del modello che deve essere sottoscritto in originale da tutti i contraenti
 In caso di comproprietà il modello deve essere sottoscritto dal soggetto indicato come proprietario responsabile ai fini della BDE.
Per il galoppo, vengono forniti il modello esportazione definitiva e il modello trasformazione esportazione da temporanea a definitiva.

ATTIVITA’ RIPRODUTTIVA ALL’ESTERO
Per il nulla osta all’attività riproduttiva all’estero il Mipaaf il proprietario deve richiedere, prima del rientro del cavallo in Italia ed entro i termini di validità del benestare, all’autorità dello StudBook del paese di residenza temporanea di rilasciare un ulteriore nulla- osta all’autorità dello Stud Book del paese di residenza definitiva; dovrà inoltre dare immediata comunicazione all’Area Galoppo, di eventuale vendita ad altro soggetto, come da normativa in materia di trasformazione da esportazione temporanea in esportazione definitiva per vendita.

PER CORRERE ALL’ESTERO
L’attività richiede il rilascio di una Racing Clearance Notification. Per ottenerla, occorre considerare i termini anticipati (10 giorni) per l’invio della richiesta e dichiarare se il cavallo rientrerà direttamente in Italia dopo la disputa della corsa  o se rimarrà nel paese indicato per partecipare a più corse. Il nulla-osta è valido per partecipare a tutte le corse organizzate in tale paese per un periodo di 90 giorni.

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma potete inviarci una e-mail e vi risponderemo al più presto.

Sending

©2023 ForumCani.com

or

Log in with your credentials

Forgot your details?