Il maiale più famoso del mondo, una scrofa originaria di Toronto in Canada, si è salvato dalla patologia cancerogena aiutato dai propri fan. Esther the Wonder Pig, diventata in breve tempo il simbolo di tutti i vegani e vegetariani, vanta 1,3 milioni di fan soltanto all’interno del social network di Facebook, portandola alla fama mondiale.

Al momento della triste diagnosi di cancro per l’animale è stata lanciata una petizione e una raccolta fondi al fine di potergli assicurare tutte le cure del caso. Proprio grazie alla risposta dei follower Esther the Wonder Pig è riuscita a sconfiggere la malattia.

La storia della scrofa ha inizio nel momento della sua adozione da parte dei proprietari Derek Walter e Steve Jenkins, i quali l’avevano erroneamente scambiata per un porcellino d’india.

Crescendo Esther the Wonder Pig ha invece assunto dimensioni sempre maggiori, sino a superare il quintale di peso. La scrofa è inoltre cresciuta insieme a cani della coppia, finendo per integrarsi all’interno del nucleo famigliare come un vero e proprio animale domestico.

La storia della sua malattia ha fatto il giro del mondo in relazione soprattutto al diverso iter burocratico all’interno delle cliniche private a causa del suo stato sociale da animale destinato alla catena alimentare, a differenza invece dei classici animali domestici.

A livello di diagnostica la scrofa necessitava di un macchinario presente solamente negli Stati Uniti, mentre a livello finanziario la sua famiglia adottiva non disponeva della liquidità economica sufficiente ad intraprendere il viaggio e i relativi costi.

La raccolta fondi promossa dai suoi proprietari è risucita ad assicurare a Esther the Wonder Pig la somma di 650 mila dollari necessari all’acquisto della Tac specifica, installata all’interno dell’Università di Toronto.

Impossibilitata a ricevere le cure chemioterapiche la famiglia si è mossa alla ricerca di un veterinario disposto ad operare la scrofa al fine di rimuovere chirurgicamente il tumore.

” Abbiamo dovuto affrontare tantissimi ostacoli per curarla. E oltre alla volontà e al desiderio abbiamo avuto la fortuna di avere il sostegno di tantissime persone. E ora vogliamo far qualcosa per far cambiare la situazione.  Non riesco a immaginare quante altre persone si siano trovate nella nostra situazione e si sono dovuti arrendere, messi davanti ai troppi no” hanno spiegato i proprietari.

Dalla raccolta fondi sono avanzati circa 100 mila dollari, i quali saranno investiti e destinati agli animali in relazione all’accesso per le cure e i trattamenti clinici non concessi dalle cliniche veterinarie standard.

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma potete inviarci una e-mail e vi risponderemo al più presto.

Sending

©2020 ForumCani.com

or

Log in with your credentials

Forgot your details?