In libreria il nuovo libro “Come (e perché) scegliere un cane” firmato dall’educatore cinofilo protagonista di “Missione cuccioli” su DeaKids.

È al suo terzo libro. E come negli altri, parla di cani, essendo lui, Simone Dalla Valle, docente al master universitario di Istruzione cinofila presso la facoltà di veterinaria di Parma e collaborando da oltre 10 anni con canili e associazioni animaliste per la diffusione di un’immagine di canili come centri di accoglienza e riabilitazione piuttosto che come luoghi di detenzione. Cosi, dopo “Un cane per amico” e “Come parla il tuo cane”, arriva “Come le perché) scegliere un cane”, edito da Tea.

Il suo libro parla di adottare cani dai canili e dagli allevatori. Non c’è differenza?

Uso in generale l’espressione “adozione”. Dentro di me spero sempre che ci si rivolga ad un canile. Ma ciò non toglie che si possano acquistare da allevatori .

Partiamo dai canili: come si fa (e perché) a scegliere un animale?

Come: senza farsi prendere dall’emotività o dai colpi di fulmine.Perché: vivere bene con un cane significa vivere meglio la propria vita. Ma questo accade solo se scegliamo il cane giusto. Diciamo che vivere con un cane ci cambia la vita; vivere con il cane giusto ce la cambia in meglio.

Un capitolo è dedicato ai “canifici”. Ci spieghi.

Se ci rivolgiamo a canili senza personale qualificato per valutare quale sia il cane più adatto a noi avremo dei problemi. Ci sono moltissimi animalisti che non hanno la professionalità per indicarci quale animale è più giusto e, spesso, propongono il cane sbagliato.

Con gli allevatori questo non succede?

Succede ugualmente. Per questo bisogna scegliere sempre allevatori professionali.

Cosa ci offre la certezza di non essere mal consigliati?

La professionalità degli educatori cinofili. Si deve evitare di prendere un animale da un negozio, alle fiere del cucciolo o da allevamenti che propongono tutte le razze in ogni periodo dell’anno.

E dagli annunci su Internet?

Men che mai. In Rete vengono offerti animali a “scatola chiusa” e chi ne risente per primo è proprio il cane. Se non lo conosciamo come facciamo a sapere che sarà adatto a noi? Per scegliere un individuo che resti con noi dobbiamo vederlo e verificare la validità dell’annuncio.Poi, la compatibilità del cane con il nostro stile di vita e via dicendo. Da questi annunci emerge che ai cani serve solo tanto amore. Se cosi fosse dovremmo buttar via anni di studi etologici.

Se prendiamo un cane dal canile di solito non ci troviamo di fronte a un cucciolo da educare. Come ci si deve comportare?

Si teme che adottando un cane adulto questo non si affezioni a noi. Invece ciò ci permette di capire chi è il cane che stiamo per portare a casa. Bisogna sfatare il mito per cui tutti i cani che provengono da un canile hanno subito traumi da maltrattamenti. Hanno subito un abbandono, certo. Ma se si trova in un buon canile viene valutato dagli educatori che capiscono quale animale ci può stare al fianco.

Parliamo di educazione: di solito, quando un cane fa una cosa fatta bene, gli si offre un premio. Nel suo libro questa “pratica” è bocciata …

Il cibo non crea una relazione ma un motivo. Il cosiddetto biscottino premio va bene, ma non dobbiamo elargire cibo in continuazione .

Qual è il modo migliore per creare una relazione con il proprio cane?

Condividere momenti e esperienze appaganti per entrambi. Portarlo a passeggio, giocarci, sdraiarsi con lui sullo stesso prato …

Anche sdraiarsi con lui sullo stesso letto?

Certo. La condivisione dei ben i è alla base della convivenza.

Cambiamo argomento: da 5 anni lei conduce su Dea Kids “Missioni Cuccioli”, Riprenderà?

Abbiamo già iniziato le registrazioni e nel prossimo autunno andranno in onda le puntate della sesta stagione.

PATRIZIA PERTUSO (Metro)

Share Button

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma potete inviarci una e-mail e vi risponderemo al più presto.

Sending

©2021 ForumCani.com

or

Log in with your credentials

Forgot your details?