Maria Bruno lascia il centro Lions di Limbiate insieme al piccolo labrador nero Tex. È la seconda esperienza per lei. Ha scelto di diventare una «puppy walker» due anni fa. Una scelta non semplice, perché il cucciolo che si prende in affido, al compimento di un anno di età, dovrà essere riportato al centro per iniziare un impegnativo addestramento e diventare cane guida. Sono sei i labrador dell’ultima cucciolata, quattro biondi come il babbo e due neri come la mamma Ambra. E sei le famiglie selezionate tra i tanti volontari per accudirli nei mesi che verranno. Indossano una pettorina che già racconta quale sarà il loro futuro.

[an error occurred while processing this directive]

Claudia e Cesare vivono a Paderno Dugnano con le figlie Chiara e Veronica di 9 e 12 anni: a loro viene assegnato Terence. «Abbiamo riflettuto a lungo anche al distacco che si sarà inevitabilmente tra dieci mesi», raccontano. Così Eleonora e Diego Pagnoni, che hanno deciso insieme ai gigli Gabriele e Federico di accogliere Trudy in famiglia. «Un’esperienza importante anche per i ragazzi». Elisabetta Ujcic, che è già in simbiosi con Tacos, arriva da Torino ed è addirittura al terzo affido. All’appello mancano solo Oriana con Taboo e Michele Mazzocca con Thor.

«I sei cuccioli hanno nomi che iniziano con la T, perché per ogni nuova cucciolata seguiamo l’ordine alfabetico», chiarisce Maurizio Familiari, l’istruttore che ha preparato le famiglie a questo giorno e le seguirà nei mesi a venire. «Ci sono regole da rispettare — spiega —, questi cuccioli avranno un lavoro importante da svolgere. Tra chi si propone come puppy walker scartiamo chi non ha tempo da dedicare al cuccioli e chi pensa che sia un modo di responsabilizzare i bambini o di provare a vedere com’è avere un cane. Le motivazioni devono essere molto solide». I puppy walkers sono seguiti dal tutor, ricevono il mangime per il cucciolo, le spese veterinarie sono coperte.

La lista d’attesa per avere un cane guida è molto lunga. «Sono circa 170 i non vedenti che aspettano un cane guida in Italia — spiega Giovanni Fossati, presidente del Centro Lions — . Noi ne addestriamo una cinquantina di esemplari ogni anno». Il Servizio dei Lions, riconosciuto Ente Morale con Decreto del Presidente della Repubblica Italiana nel 1986, è stato fondato nel 1959 ed è oggi una delle più importanti realtà Europee: ad oggi ha addestrato 2.083 cani guida. Info: limbiate@caniguidalions.it.