Martedì, 23 Febbraio 2016 13:16

donna gravidaIl Laboratorio di Riferimento per Listeria monocytogenes dell’Istituto Zooprofilattico di Teramo sta dando il proprio contributo alla gestione dell’emergenza del focolaio di listeriosi.
Il focolaio è in corso in Italia centrale. Nelle Marche, in particolare, è stato registrato un incremento significativo del numero di casi di listeriosi nel 2015. L’impiego di metodi innovativi di biologia molecolare ha permesso al Laboratorio dell’IZSAM di associare gli 11 ricoveri e i 2 decessi al consumo di coppa di testa prodotta a Monsano in provincia di Ancona. Le indagini sono ancora in corso.
A scopo cautelativo, il Ministero della Salute ha avvisato di non consumare i prodotti della ditta “Salumificio Monsano srl” sospetta di essere all’origine del focolaio, ditta che commercializza i prodotti a base di carne contrassegnati da numero di riconoscimento CE IT 1523 L.

Informazione ai cittadini– Il focolaio di listeriosi in corso, ha indotto l’IZSAM a informare i cittadini sui rischi e sulle precauzioni da adottare mediante la pubblicazione di due locandine: “Listeriosi cos’è e come evitarla” e “Listeriosi e donne in gravidanza – risposte alle dieci domande più frequenti”.

La listeriosi è una grave patologia, con esito spesso letale, causata da un batterio, Listeria monocytogenes. Nell’Unione Europea, nel 2014, sono stati segnalati 2.161 casi nell’uomo, con mortalità superiore al 15%. Il batterio responsabile dell’infezione si trova nel terreno, nelle piante e nelle acque. Anche gli animali, possono essere portatori del microrganismo. Il consumo di alimenti contaminati è la principale via di trasmissione. Una buona cottura dei cibi neutralizza la Listeria che a differenza di molti altri batteri di provenienza alimentare, sopravvive e si moltiplica in ambienti salati e a basse temperature (tra +2°C e 4°C).

Le persone infette possono mostrare lievi sintomi simil-influenzali come nausea, vomito e diarrea ma anche, nelle infezioni più gravi, meningite e altre complicanze potenzialmente letali. I soggetti adulti in buona salute difficilmente si ammalano di listeriosi e, normalmente, solo in caso di ingestione di alimenti altamente contaminati. I casi più gravi si registrano in anziani, donne in gravidanza, neonati e individui con deficit del sistema immunitario. Listeria monocytogenes può essere presente in molti alimenti crudi come carne e pesce, ma sono da considerare a rischio soprattutto gli alimenti pronti al consumo, in particolare: salumi cotti esposti all’ambiente dopo il trattamento termico, gli insaccati freschi consumati crudi, i formaggi molli e semi-molli, il latte non pastorizzato, il pesce affumicato e le preparazioni gastronomiche. Per prevenire la listeriosi, è importante seguire buone pratiche di produzione, corrette prassi igieniche e un efficace controllo della temperatura e delle contaminazioni crociate lungo tutta la catena, dalla produzione alla conservazione degli alimenti, non trascurando l’ambiente domestico.

Ai consumatori si consiglia, a casa, di lavare bene le mani dopo aver manipolato alimenti crudi da sottoporre a cottura (carne, pesce) e di consumare gli alimenti deperibili e pronti al consumo il più rapidamente possibile dopo l’apertura della confezione. (fonte: izs.it)

LOCANDINA LISTERIOSI E DONNE IN GRAVIDANZA
LOCANDINA LISTERIOSI: COS’E’ E COME EVITARLA

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma potete inviarci una e-mail e vi risponderemo al più presto.

Sending

©2022 ForumCani.com

or

Log in with your credentials

Forgot your details?