Era la fine di ottobre quando questo tenero gattino di 6 settimane è stato avvistato in un fienile di Montréal, in Canada, da solo, senza una madre nei paraggi. E quando un cuore buono ha cercato di avvicinarlo, ha subito capito che c’era in lui qualcosa che non andava e che era in serie difficoltà. 

Uno degli occhietti del cucciolo era opaco. E lui era molto debole e stanco, tanto da non riuscirsi a muovere, probabilmente a causa di un lungo digiuno. Allora lo hanno portato di corsa al Chatons Orphelins Montréal, dove è stato subito preso in carico da un veterinario. 

«Il gattino aveva meno di due mesi, pesava appena 600 grammi e aveva un occhio vitreo: aveva un velo che sembrava essere una cicatrice sulla cornea, probabilmente a causa di un’ulcera», spiega Celine Crom. 

Berlingot non riusciva a vedere da quell’occhio. E visto la gravità, nessuno si sarebbe mai aspettato che quel velo grigio sarebbe scomparso. E invece le cure, e l’amore ricevuto, hanno fatto la differenza. 

«Era molto piccolo e ansioso quando è arrivato da noi. Ma in pochi giorni è cambiato completamente e ha iniziato a chiedere coccole e attenzioni». Il cucciolo è risultato positivo anche alla tigna, ma essendogli stata diagnosticata precocemente non lascerà conseguenze. 

A causa di questi problemi «Berlingot è cresciuto in isolamento, ed è stato difficile per lui anche se molte persone si sono alternate per prendersi cura di lui». Ora però, è arrivato il suo lieto fine. 

Il cucciolo è guarito e, «dopo diverse settimane, è stato possibile adottarlo e ora vive con la sua nuova famiglia», mostrandosi in tutto il suo splendore. L’occhio di Berlingot è quasi completamente guarito e senza velo grigio si è rivelato un leggero strabismo che aggiunge al suo sguardo ancora più fascino.  

Oggi Berlingot ha 15 settimane ed è «giocoso e birichino. Gli piace dormire insieme a noi e vuole sempre sapere cosa stiamo facendo», raccontano i suoi umani. «E adora anche arrampicarsi per guardarci dall’alto: è un bel tipetto e noi siamo molto contenti di avergli dato la seconda possibilità che si meritava». 

*****AVVISO AI LETTORI******

Segui le news di LaZampa.it su Twitter (clicca qui) e su Facebook (clicca qui)

*********************************