Un veterano statunitense era impegnato in lavori di bricolage in giardino quando ha trovato tre piccoli gattini fra i cespugli con la loro mamma nelle vicinanze. L’uomo, Jerry Smith, è rimasto paralizzato in tutta la parte destra del corpo, dopo aver avuto un ictus a 28 anni, mentre era in servizio nell’esercito. Ma, nonostante la sua disabilità, cerca di non chiedere mai aiuto. Tranne quel giorno. 

«Stavo lavorando alla mia scrivania e mio marito era impegnato in giardino, non chiede mai alcun tipo di aiuto a meno che non sia in grave difficoltà, quindi, quando è venuto alla porta e mi ha chiesto di venire ad aiutarlo, gli ho chiesto perché e lui mi ha detto: “Vieni solo a darmi una mano con i gatti”» racconta Patty Smith, moglie di Jerry.  

Subito la donna non ha capito perché entrambi i loro gatti di famiglia, ex-randagi adottati, erano sani e salvi in casa. «Sono uscita fuori e lui era in ginocchio vicino al boschetto accanto alla veranda. Teneva fra le mani un piccolo gattino e poi ha iniziato a passarmi i gattini uno dopo l’altro». 

L’uomo ha dovuto spostare una grossa fioriera in legno che aveva costruito anni fa per recuperare il terzo e ultimo gattino e per assicurarsi che non ce ne fossero altri. «Ho portato i tre piccoli gattini in casa e li ho messi in una scatola di cartone e poi in bagno per metterli al sicuro dai nostri altri animali» racconta la donna. 

In tutte queste operazioni la mamma gatta è rimasta in piedi al centro del loro giardino. Li ha osservati e poi si è allontanata come se sapesse che i suoi piccoli erano in buone mani. La coppia ha aspettato il suo ritorno, ma la gatta non è più fatta vedere. 

I gattini avevano tra le sei e le otto settimane. La famiglia li ha alimentati con pappe per cuccioli con un po’ d’acqua per aiutarli a imparare a mangiare. Dopo un paio di giorni hanno iniziato a mangiare da soli. 

«Da quando ha avuto l’ictus, Jerry non riesce a condividere bene le emozioni, quindi ho dovuto insistere per fargli dire cosa ne pensava e alla fine ha detto che non voleva dare i gattini via perché “se poi finiscono con una famiglia che non li ama?” – racconta la donna -. Allora, adesso alla nostra famiglia si sono aggiunti anche i tre gattini insieme ai nostri due gatti adulti e troppi cani». 

I loro nomi sono Boots (quello con le zampine bianche), Ash (grigio più chiaro) e Cinder. La loro gatta di 10 anni Emmy, adottata dalla coppia dopo che il suo precedente proprietario scomparso, è stata introdotto ai piccoli. «L’abbiamo adottata perché i gatti adulti sono di solito quelli che non vuole nessuno, ci ha messo un po’ di tempo ad adattarsi, ma ora sta bene e poi le abbiamo insegnato ad amare i gattini» spiega la donna. 

*****AVVISO AI LETTORI******

Segui le news di LaZampa.it su Twitter (clicca qui) e su Facebook (clicca qui)

*********************************