Il gatto domestico discende da gatti selvatici che sono stati addomesticati due volte – nel Vicino Oriente e, successivamente, in Egitto. Lo conferma il più ampio studio del suo genere.

Gli agricoltori del Vicino Oriente furono probabilmente i primi a domare con successo i gatti selvatici circa 9.000 anni fa. Poi, alcune migliaia di anni dopo, i gatti si diffusero dall’antico Egitto lungo le rotte commerciali marittime.

Oggi i gatti vivono in tutti i continenti, tranne l’Antartide.

Gli scienziati ritengono che i gatti selvatici abbiano iniziato a girare intorno alle fattorie per predare i topi attratti dalle riserve di cereali, iniziando la lunga relazione tra umani e felini. “Ci sono stati due eventi determinanti: uno nel Vicino Oriente all’inizio e uno in Egitto, molto più tardi“, ha detto la ricercatrice capo Eva-Maria Geigl. “E poi il gatto si è diffuso in modo molto efficiente in tutto il mondo antico come un gatto di nave, entrambi i lignaggi sono ora presenti nei gatti moderni“.

Leggi anche: Gatti e uomo, un’amicizia lunga 10 mila anni

Dal predatore di ratti all’animale domestico

I gatti non sono sempre stati creature pigre, bighellonanti per casa. Hanno trascorso migliaia di anni a lavorare come “acchiappatopi” su navi e fattorie, prima di diventare completamente addomesticati. “Direi che i gatti hanno scelto la compagnia umana, ma è stata una relazione commensale – è stato proficuo per entrambe le parti“, ha spiegato il dott. Geigl, dell’Institut Jacques Monod a Parigi.

Nello studio, i ricercatori hanno estratto il DNA mitocondriale (che è passato lungo la linea materna) da più di 200 resti di gatti antichi provenienti da tombe vichinghe, mummie egizie e siti dell’età della pietra. Le prove del DNA mostrano che la domesticazione dei gatti iniziò circa 9.000 anni fa nel Vicino Oriente, dove iniziò l’agricoltura. Gli agricoltori erano probabilmente i primi a domare i gatti selvatici e poi a portarli sui loro viaggi, accidentalmente o deliberatamente.

Una seconda ondata di domesticazione dei gatti avvenne nell’antico Egitto. I gatti si diffusero in Europa durante l’epoca romana e andarono ancora più lontano durante il periodo vichingo. Il DNA del gatto egiziano è stato persino trovato sui resti di un esemplare prelevato in un porto vichingo, suggerendo che i gatti fossero trasportati su rotte commerciali marittime verso il nord Europa.

Potrebbe interessarti anche: Questi 10 segnali indicano che il vostro gatto è felice con voi [VIDEO]

Sorprendentemente, forse, i gatti soriani apparvero solo nel Medioevo. Le prove del DNA suggeriscono che la mutazione genetica che causa la marcatura di macchie è apparsa in un gatto nella Turchia occidentale nel XIV secolo.

Nei secoli successivi, i tabbies si diffusero in tutto il mondo, poiché i gatti venivano apprezzati per la loro bellezza piuttosto che per le abilità utilitaristiche. “Nel 19° secolo, esistevano pochissime riproduzioni e selezioni, a differenza dei cani“, ha affermato il dott. Geigl. “Il gatto è stato utile fin dall’inizio – non doveva essere cambiato“.

Oggi ci sono molte razze di gatti con diversi disegni e manto peloso. Includono razze esotiche, dal Bambino (un gatto piccolo glabro) al Cornish Rex (con un mantello riccio e un corpo simile a quello del Whippet).

La ricerca è stata pubblicata su Nature Ecology & Evolution.

gatti

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma potete inviarci una e-mail e vi risponderemo al più presto.

Sending

©2020 ForumCani.com

or

Log in with your credentials

Forgot your details?