FERRARA. Quando il portone di ferro si è aperto è spuntato di colpo il muso di un cane di grosse dimensioni, forse un pitbull, che l’ha azzannata a una mano e subito dopo a una gamba. Sembra una scena tratta da un film horror, invece si tratta di una brutta notizia di cronaca. La drammatica esperienza l’ha vissuta “live” e a suo scapito una donna di 48 anni, residente in una frazione del rodigino, mentre stava entrando nel cortile di un’abitazione di sua proprietà nella zona di via Porta d’Amore, a Ferrara. «E’ stato terribile – racconta – quella mattina ho temuto di morire. Ricordo che ero a terra dolorante, terrorizzata e raccolta in posizione fetale, la testa coperta dalle mani perché mi aspettavo di essere azzannata lì dopo che il cane mi aveva già aperto la coscia con un morso. Forse posso dire quello che è successo solo perché è intervenuto il fidanzato della padrona dell’animale e l’ha allontanato prima che potesse mordermi in un’altra parte del corpo». I segni dell’aggressione sono indelebili: più di 20 punti di sutura interni ed esterni al di sotto del gluteo destro e quattro buchi lasciati dai denti aguzzi dell’animale sulla pelle della mano destra.
Il fatto è già stato descritto in una segnalazione presentata dalla donna all’Ufficio di polizia del Sant’Anna, atto dal quale potrebbero scaturire ulteriori sviluppi in relazione alle condizioni di sicurezza da garantire nella custodia dell’animale. L’aggressione risale a lunedì scorso. La quarantottenne assieme al marito di 51 anni e al figlio di 19 stava raggiungendo la casa in centro storico, in città, che confina con un edificio dello stesso complesso dove vive una ragazza proprietaria di due cani. La coppia – erano più o meno le 10.30 – ha inviato due messaggi telefonici all’indirizzo della vicina avvertendola del suo arrivo. Marito e moglie erano quindi convinti che gli animali fossero stati posti in una zona separata rispetto al cortile di loro proprietà sul quale si affaccia anche l’altro alloggio.

«Ho inserito la chiave nella serratura e ancora prima di aprire completamente il portone di metallo, che nasconde alla vista il cortile, il muso di un cane si è inserito tra i due battenti – spiega la vittima dell’aggressione – Ho cercato di scappare ma sono stata inseguita da due cani, uno ha subito cercato di mordermi al fianco sinistro riducendo la mia camicia a brandelli poi si è attaccato alla mia mano stringendo il pollice tra i denti; quando si è spostato sul fianco destro ha stretto le sue fauci tra la coscia e il gluteo. Mentre tentavo di fuggire sono caduta sui ciottoli, ho iniziato a urlare per il dolore e per la paura e – devo confessarlo – mi sono sentita spacciata. Contro quella furia non avevo nessuna possibilità di difendermi». In quei momenti si ragiona in fretta e la preoccupazione principale, dettata dall’istinto, è stata di proteggere la testa. Per fortuna il fidanzato della padrona dell’animale ha visto cosa stava avvenendo ed è accorso riuscendo a staccare l’animale e a riportarlo nel cortile. Nel frattempo erano giunti in suo aiuto anche il marito e il figlio della donna aggredita che si erano spostati per cercare un parcheggio per l’auto.

«Hanno rischiato anche loro di essere attaccati, per fortuna il cane era già stato portato via – aggiunge la donna – Una passante che ha assistito alla scena nel frattempo aveva chiamato il 118». La corsa al pronto soccorso di Cona, sei ore in barella «perché nel frattempo continuavano a entrare pazienti in condizioni più gravi», la dolorosa applicazione dei disinfettanti, i venti punti di sutura e infine la segnalazione alle autorità competenti sono stati l’inevitabile epilogo di quanto era avvenuto qualche ora prima in un angolo in genere tranquillo della città, tra muri di recinzione in cotto e abitazioni di pregio. La stessa testimone è rimasta scioccata e ha temuto di essere assalita dai due violenti animali senza più controllo.
Un fatto che ora preoccupa gli abitanti del quartiere e che potrebbe avviare un accertamento amministrativo e sanitario sulla pericolosità dei due cani e sulla loro attuale collocazione.

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma potete inviarci una e-mail e vi risponderemo al più presto.

Sending

©2020 ForumCani.com

or

Log in with your credentials

Forgot your details?