Ferrara, 23 novembre 2015 – È ALLARME nel Bosco della Panfilia per i cani al seguito dei tartufai e per tutta la fauna del prezioso ecosistema della foresta planiziale di Sant’Agostino. È stata infatti segnalata la presenza di bocconi avvelenati. A riferirlo, con l’obiettivo di allertare tutti i frequentatori dei suoi sentieri, sono dei cercatori di Casalecchio (Bologna).

L’episodio, che ha coinvolto un gruppo di loro, risale a sabato. «In due, con i loro quattro zampe al seguito, sono entrati dal cancello principale alle sei di quella mattina – raccontano –. Non appena imboccato l’ingresso uno ha notato il cane andare avanti e poi a destra: lo ha visto prendere qualcosa in bocca».

È scattata subito l’emergenza. «Siamo abituati a un rapporto stretto con i nostri cani. E il proprietario di quello ha percepito immediatamente il pericolo: lo ha capito dal movimento che doveva aver afferrato qualcosa che non era un tartufo».

Questo legame e la grande esperienza hanno fortunatamente consentito di correre ai ripari. «Sappiamo purtroppo che cosa potrebbe accadere e siamo pronti anche al peggio: nel nostro kit è sempre presente del sale grosso. Al cane sono stati fatti ingerire sale e acqua. In tal modo ha subito vomitato ciò che aveva mangiato».

Da lì la conferma. «SI È notata una poltiglia di formaggio e mortadella a cui era stato aggiunto veleno per topi». Per il cane non ci sono state gravi conseguenze: dopo il primo intervento è stato condotto precauzionalmente dal veterinario per la profilassi del caso ed è fuori pericolo.

«Siamo tornati nel Bosco della Panfilia oggi (ieri per chi legge, ndr). Abbiamo cercato di evitare quella zona e abbiamo tenuto gli occhi ben aperti e lo sguardo puntato sui cani. A tutti consigliamo la massima attenzione e sollecitiamo le guardie forestali a una maggiore vigilanza su questo versante, tanto più che le conseguenze di simili atti, sconsiderati e crudeli, potrebbero essere davvero terribili».

CHI POTREBBE essere il colpevole? I tartufai bolognesi azzardano qualche ipotesi, memori di passati momenti di tensione, ma non è possibile avere certezze, almeno fino ad ora. Tuttavia, la necessità di prestare la massima attenzione è una buona pratica che diventa inspensabile dopo il macabro ritrovamento di sabato dei bocconi al veleno.

di CRISTINA ROMAGNOLI

RIPRODUZIONE RISERVATA

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma potete inviarci una e-mail e vi risponderemo al più presto.

Sending

©2020 ForumCani.com

or

Log in with your credentials

Forgot your details?