Venerdì, 12 Febbraio 2016 14:34

Luca AngeliniANMVI Abruzzo chiede urgenti chiarimenti al Comune. Il progetto prevede la sterilizzazione gratuita di cani e gatti di proprietà, in collaborazione con la Asl.
Il Comune di Avezzano ha stanziato 10mila euro per la sterilizzazione gratuita di cani e gatti di proprietà. E’ un “primo start up” di un progetto che dichiara di allinearsi alla normativa regionale “che sensibilizza le collaborazioni tra Enti per il contrasto al randagismo”. Ma il progetto in questione non è rivolto ai randagi.

Risorse pubbliche per 10mila euro vengono destinate ai proprietari della prima fascia ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente), fissando la soglia di accesso al di sotto dei 25mila euro l’anno, un tetto di molto superiore alle fasce di povertà considerate dall’ISTAT.

Il progetto si svolge in collaborazione con la ASL: «Grazie al lavoro del medico veterinario Nicola Pisegna Orlando», commenta l’assessore con delega alla tutela degli animali, Luca Angelini (foto), «è stato organizzato il progetto che prevede la sterilizzazione gratuita per le famiglie che dichiarino un reddito Isee inferiore ai 25mila euro. Gli animali dovranno essere regolarmente microchippati».

La novità inserita nell’iniziativa è che è stato istituito un apposito ufficio che si occuperà di tutela degli animali e quindi dei rapporti con i canili, di affidi e anche di stilare le graduatorie per la sterilizzazione, all’interno del comando della polizia locale. La referente è l’ispettore Monica Serafini, con la quale ci si può mettere in contatto chiamando il numero 0863. 43141.
Fra gli obiettivi: ’incremento dell’anagrafe canina, la tutela dell’incolumità pubblica e la conseguente riduzione delle richieste di risarcimento. «Ad essere abbandonati sono quasi sempre cuccioli» spiega il medico Pisegna Orlando, «considerato che molte famiglie non riescono a sostenere le spese per la sterilizzazione. Per questo il progetto è valido e sostiene chi sceglie di avere un animale».

ANMVI Abruzzo si è rivolta alle autorità comunali chiedendo urgenti chiarimenti: il suo Presidente Marco Della Torre fa notare che nella destinazione delle risorse vengono anteposti ai randagi, numerosi sul territorio, gli animali di proprietà e che ancora una volta i liberi professionisti del territorio non vengono coinvolti. “L’assenza cronica di collaborazione con la veterinaria privata- dichiara Della Torre- spiega la ridotta sensibilità dei proprietari alla microchippatura e alla prevenzione. Nei giorni del sisma aquilano- conclude Della Torre- il randagismo è emerso in tutta la sua consistenza e l’intervento dei liberi professionisti ha contribuito ad evidenziare (e a colmare) lacune importanti nel regolare possesso responsabile dei cani”.

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma potete inviarci una e-mail e vi risponderemo al più presto.

Sending

©2022 ForumCani.com

or

Log in with your credentials

Forgot your details?